Sanzioni

 

Nei casi di tardivo e omesso versamento è irrogata (ai sensi dell’art. 18 della legge 580/93 e successive modifiche ed integrazioni) una sanzione amministrativa dal 10 al 100% dell’ammontare del diritto dovuto, secondo le disposizioni in materia previste dal D.M. 27/01/2005 n. 54 (G.U. n. 90 del 19.04.2005) nonché dal Regolamento modificato dalla Camera di Commercio di Perugia con delibera consiliare n. 2 dell'11 maggio 2010.

La Camera di Commercio di Perugia applica:
  • la sanzione del 10% nei casi di tardivo versamento
  • la sanzione del 30% nei casi di omesso versamento
Non si considera omesso (perché trattasi di c.d. “violazione formale”) il versamento effettuato in favore di una Camera di Commercio incompetente per territorio, se effettuato per l’intero importo dovuto ed entro i corretti termini di scadenza.
Il Decreto Ministeriale 27/01/2005 n. 54 (entrato in vigore il 4 maggio 2005) e il Regolamento adottato in materia dalla Camera prevedono due tipologie di violazioni:
  • Tardivo versamento: si intende il versamento effettuato, per l’intero importo del diritto dovuto, con un ritardo non superiore ai 30 giorni rispetto al termine ordinario, senza il contestuale versamento dell’interesse corrispettivo vigente - se dovuto -, anche in presenza di integrale compensazione dell’importo a versamento. La sanzione applicabile a questa violazione è pari al 10% del diritto dovuto;
  • Omesso versamento: si intende, oltre al versamento non effettuato, anche;
    • il versamento eseguito con un ritardo superiore a trenta giorni rispetto al termine di scadenza;
    • il versamento effettuato solo in parte, limitatamente a quanto non versato entro i termini di scadenza.

Versamenti incompleti
Nel caso di versamenti incompleti, al fine di individuare la base di calcolo della sanzione, è necessario verificare se il versamento parziale sia stato effettuato entro la scadenza del termine ordinario.
 
  • Nel caso di versamento parziale effettuato entro la scadenza la sanzione va commisurata al solo diritto omesso nella misura del 30%.
  • Nel caso di versamento parziale effettuato oltre la scadenza ordinaria la base di calcolo della sanzione è rappresentata dall’intero importo dovuto, in quanto tale versamento incompleto è considerato comunque omesso (art.3 D.M. n.54/2005), e come tale va applicata la sanzione del 30% su tutto il diritto dovuto.
  • Nel caso di versamento parziale effettuato oltre la scadenza ordinaria ed entro i 30 giorni successivi, la sanzione va calcolata sul dovuto maggiorato dello 0,40% cui va sottratto l’importo pagato, sulla differenza non versata va applicata la sanzione del 30%.
  • Diverso il caso delle imprese in prima iscrizione, in cui non è contemplata la possibilità del versamento con lo 0,40% nei 30 giorni successivi alla scadenza, la sanzione è del 10% per i primi 30 giorni di ritardo (versamento tardivo) e del 30% in tutti gli altri casi.
La regolarizzazione degli omessi o ritardati versamenti va effettuata con il modello F24, compilando la Sez. IMU e TRIBUTI LOCALI  indicando i seguenti codici:
  • codice ente: sigla della provincia a cui è dovuto il versamento (es. “PG” per Perugia);
  • codice tributo:
    • 3850 diritto annuale dovuto;
    • 3851 interessi di mora calcolati al tasso legale con maturazione dal giorno successivo alla scadenza del termine ordinario fino al giorno del versamento;
    • 3852 sanzione determinata con le modalità sopra descritte.

      IMPORTANTE
      : I codici tributo 3851 e 3852 non sono compensabili (Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 115/E del 23.05.2003).
       
  • anno di riferimento: per tutti e tre i codici tributo l’anno da indicare è l’anno di imposta cui si riferisce la violazione e non l’anno in cui si procede alla regolarizzazione

Voci collegate, diritto annuale, registro delle imprese

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.4/5 (67 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia