Home > Comunicazione e Informazione > Brevi dal territorio > In Umbria, le pensioni attutiscono la perdita di Pil

In Umbria, le pensioni attutiscono la perdita di Pil

 

La lunga crisi ha travolto una piccola Umbria, già fortemente indebolita, che ancora stenta a riprendersi. Reiterati cali hanno fatto perdere in un decennio il 15,6 per cento di PIL reale regionale, per una contrazione media annua dal 2007 al 2017 dell’1,7 per cento, più del triplo della diminuzione occorsa su base nazionale.

 

Il Pil pro capite umbro è in progressivo allontanamento dalla media italiana, per una distanza che nel 2017 tocca il suo massimo, sfiorando i 15 punti (erano 4,4 nel 2007, posta l’Italia uguale a 100): in tale anno, a ogni umbro spetterebbero 24.326 euro correnti di reddito prodotto, a fronte dei 28.494 medi nazionali.

 

Il Focus al sito www.aur-umbria.it

 

Fonte: AUR Agenzia Umbria Ricerche

Voci collegatePIL, redditi

Esprimi il tuo voto:

Rating: 0.0/5 (0 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria TouringSARIdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia