Home > I mercati esteri > Legalizzazione di firma su atti per l'estero

Legalizzazione di firma su atti per l'estero

 

La legalizzazione di firma è un atto formale con il quale si dichiara vera e autentica la firma del Funzionario camerale che ha già firmato uno specifico documento da valere in un Paese terzo (per Paese terzo si intende una nazione al di fuori di quelle dell’Europa Comunitaria).

 

E' generalmente richiesta per esigenze commerciali e doganali in relazione alle esportazioni di merci, in special modo nei Paesi arabi e, in particolare, quando la documentazione richiesta dal cliente estero (es. certificato di origine) deve essere vistata o dalla Camera di Commercio italiana all’estero o da un Consolato straniero in Italia (D.P.R. 28-12-2000, n. 445, art. 33).


La legalizzazione della firma può essere richiesta all’Ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio per la vidimazione di documentazione doganale, certificati di origine, fatture e altri documenti da valere all’estero.

 

Il costo di ciascuna legalizzazione è di € 3,00 e può essere versato alla cassa dell’Ente camerale.

Voci collegatecertificati commercio estero, commercio estero

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.2/5 (97 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia