Imprese di pulizia

 

Registro imprese e artigianato, attività regolamentate: inapplicabilità della tassa di concessione governativa
 


Sono attività di pulizia quelle che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a rimuovere polveri, materiale non desiderato o sporcizia da superfici, oggetti, ambienti confinati ed aree di pertinenza.
 

Sono attività di disinfezione quelle che riguardano il complesso dei procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti confinati e aree di pertinenza mediante la distruzione o inattivazione di microrganismi patogeni.
 

Sono attività di disinfestazione quelle che riguardano il complesso di procedimenti e operazioni atti a distruggere piccoli animali, in particolare artropodi, sia perché parassiti, vettori o riserve di agenti infettivi, sia perché molesti, e specie vegetali non desiderate.
 

Sono attività di derattizzazione quelle che riguardano il processo dei procedimenti e operazioni di disinfestazione atti a determinare o la distruzione completa oppure la riduzione del numero della popolazione dei ratti o dei topi al di sotto di una certa soglia.
 

Sono attività di sanificazione quelle che riguardano il processo dei procedimenti e operazioni atti a rendere sani determinati ambienti mediante l’attività di pulizia e/o disinfezione e/o disinfestazione ovvero mediante il controllo e il miglioramento delle condizioni del microclima per quanto riguarda la temperatura, l’umidità e la ventilazione ovvero per quanto riguarda l’illuminazione e il rumore.
 

(Principali riferimenti normativi:L.82 del 25 Gennaio 1994 – D.M. 274 del 7 Luglio 1997).

 

Requisiti


Le imprese che intendono svolgere attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione, devono ottenere il riconoscimento dei requisiti tecnico – professionali di onorabilità e di capacità economico-finanziaria e tecnico-organizzativa.

Dal 2 febbraio 2007 i requisiti tecnico-organizzativi non sono più necessari per le attività di pulizia e disinfezione ma esclusivamente per le attività di disinfestazione, derattizzazione e sanificazione.

 

Requisiti di onorabilità

I requisiti di onorabilità devono essere posseduti dall’imprenditore, pertanto: nel caso di ditte individuali dal titolare, nel caso di società in nome collettivo (s.n.c.) e nel caso di società cooperative da tutti i soci, nel caso di società in accomandita semplice (s.a.s.) da tutti i soci accomandatari, nel caso di società di capitali da tutti gli amministratori.
I requisiti richiesti sono:

  • che non sia stata pronunciata sentenza penale definitiva di condanna o non siano in corso procedimenti penali nei quali sia già stata pronunciata sentenza di condanna per reati non colposi a pena detentiva superiore a due anni o sentenza di condanna per reati contro la fede pubblica o contro il patrimonio o alla pena accessoria dell’interdizione dall’esercizio di una professione o di un’arte o dell’interdizione dagli uffici direttivi delle imprese salvo che sia intervenuta la riabilitazione;
  • che non sia stata svolta o non sia in corso procedura fallimentare (salvo che sia intervenuta la riabilitazione);
  • che non siano state applicate misure di sicurezza o di prevenzione o non siano in corso procedimenti penali per reati di stampo mafioso;
  • che non sia stata pronunciata sentenza penale definitiva di condanna per il reato di illecita concorrenza con minaccia o violenza;
  • che non siano state accertate contravvenzioni per violazioni di norme in materia di lavoro, di previdenza e di assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, non conciliabili in via amministrativa.

 

Requisiti di capacità economico-finanziaria

I requisiti richiesti sono:

  • Iscrizione all’INPS e all’INAIL, ricorrendone i presupposti di legge di tutti gli addetti, compreso il titolare e i familiari e i soci prestatori d’opera;
  • Assenza di protesti cambiari negli ultimi cinque anni a carico del titolare in caso di ditta individuale, dei soci in caso di società di persone e di società cooperative, degli amministratori nel caso di società di capitali, salvo riabilitazione ai sensi dell’art. 17 l. 7 marzo 1996 n. 108, ovvero dimostrazione di aver completamente soddisfatto i creditori;
  • L’apertura di c/c bancario con affidamento.

 

Requisiti tecnico-organizzativi (solo per disinfezione, derattizzazione e sanificazione)

I requisiti tecnico-organizzativi devono essere posseduti dal responsabile tecnico dell’impresa.
N.B. Ai sensi dell’art. 2 della L. 443/1985 L’imprenditore artigiano nell’esercizio di particolari attività che richiedono una peculiare preparazione ed implicano responsabilità a tutela e garanzia degli utenti deve essere in possesso dei requisiti tecnico – professionali previsti da leggi statali.
Conseguentemente nell’impresa artigiana la qualifica di responsabile tecnico deve essere assunta dal titolare in caso di ditta individuale o da uno dei soci partecipanti alle lavorazioni nel caso di società.
I requisiti richiesti in capo al responsabile - tecnico sono:

  • scuola dell’obbligo scolastico e svolgimento di un periodo di esperienza professionale qualificata nello specifico campo di attività di almeno tre anni per le attività di disinfestazione, derattizzazione e sanificazione svolta all’interno di imprese del settore in qualità di dipendente qualificato, collaboratore familiare, socio partecipante al lavoro o titolare di ditta individuale;

oppure

  • Attestato di qualifica a carattere tecnico attinente l’attività conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale.

oppure

  • Possesso di diploma di istruzione secondaria superiore in materia tecnica attinente l’attività (il corso di studi deve prevedere un biennio di chimica e nozioni di scienze biologiche per le attività di disinfestazione, derattizzazione e sanificazione);

oppure

  • Possesso di diploma universitario o di laurea in materia tecnica utile ai fini dello svolgimento dell’attività (chimica, scienze biologiche, scienze naturali, agraria, medicina, ecc.);


Riconoscimento dei requisiti


Per ottenere il riconoscimento dei requisiti l’interessato deve presentare domanda su un apposito modulo (reperibile allo sportello o scaricabile dalla sezione modulistica di questa pagina) da allegare alla domanda di iscrizione/modifica all’Albo imprese artigiane.
Il modulo deve essere sottoscritto dal denunciante (titolare o legale rappresentante in caso di società).

 

Alla richiesta di riconoscimento dei requisiti tecnico - professionali vanno inoltre allegati:

  • Certificazioni attestanti l’iscrizione all’INAIL e, ricorrendone i presupposti di legge, all’INPS di tutti i soggetti che partecipano all’attività di impresa;
  • Attestazione bancaria di titolarità di conto corrente ed eventuali affidamenti;
  • Attestazione di versamento dei diritti di segreteria pari a € 15,00 se trattasi di società ed €9,00 se di ditta individuale su c/c postale n.134064 intestato alla Camera di Commercio di Perugia per il riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali.


Partecipazione ai pubblici appalti


Se l’impresa intende partecipare ad appalti pubblici per l’affidamento dei servizi di pulizia, indetti secondo la normativa comunitaria, deve richiedere l’iscrizione in una fascia di classificazione in base al volume di affari al netto di IVA (art. 3 D.M. 274/1997).
Ai fini dell’iscrizione nella fascia, l’impresa deve aver svolto l’attività per almeno due anni; è pertanto impossibile chiedere l’iscrizione nella fascia contestualmente alla denuncia di inizio attività.
I requisiti per l’iscrizione in una determinata fascia sono:

  • Aver fornito nel periodo di riferimento almeno un servizio di importo complessivo non inferiore al 40%, ovvero almeno due servizi di importo complessivo non inferiore al 50% ovvero almeno tre servizi di importo complessivo non inferiore al 60%, dell’importo corrispondente alla fascia inferiore a quella per la quale chiede l’iscrizione; per l’inserimento nella prima fascia le predette percentuali vanno applicate all’importo massimo della fascia stessa;
  • Aver sopportato, per ciascuno degli anni di riferimento, un costo complessivo per il personale dipendente (costituito da retribuzione e stipendi, contributi sociali e accantonamento ai fondi di trattamento di fine rapporto) non inferiore al 40% dei costi totali, ovvero al 60% di detti costi se l’impresa svolge esclusivamente attività di pulizia e disinfezione.
  • L’impresa che non può comprovare le percentuali minime sopra indicate ovvero che, qualunque ne sia il motivo, non le raggiunge, deve produrre un attestato rilasciato dai competenti istituti comprovante il rispetto delle norme in materia di previdenza e di assicurazione sociale per i dipendenti, per il titolare o per i soci che prestano opera nell’impresa.

Le fasce di classificazione del volume d’affari al netto dell’IVA previste dall’art. 3 D.M. 274/1997 sono le seguenti:

  • fino a € 51.645,69
  • fino a € 206.582,76
  • fino a € 361.519,83
  • fino a € 516.456,90
  • fino a € 1.032.913,80
  • fino a € 2.065.827,60
  • fino a € 4.131.655,19
  • fino a € 6.197.482,79
  • fino a € 8.263.310,39
  • oltre € 8.263.310,39

Ai sensi dell’art 3 comma 2 del D.M. 274/1997 la classe di attribuzione è quella immediatamente superiore al predetto importo medio. Nel caso di prima fascia l’importo medio deve essere di almeno 30.987,41 euro.

Al fine dell’inserimento in una delle predette fasce di classificazione l’impresa deve fare richiesta compilando la SEZ.II del modello per il riconoscimento dei requisiti di impresa di pulizia ed allegare:

  • Copia dei modelli 770 relativi al periodo di riferimento;
  • Copia dei libri paga e dei libri matricola relativi al periodo di riferimento (comunque non inferiore a 2 anni);
  • Elenco dei servizi eseguiti allegando a ciascuno di essi un’apposita attestazione del committente, pubblico o privato redatta secondo un apposito modello (reperibile presso lo sportello artigianato o scaricabile dalla sezione modulistica di questa pagina);
  • Elenco dei contratti in essere alla data di presentazione della domanda.

 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.2/5 (91 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia