Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Terzo settore. La Camera di Commercio di Perugia insedia il Laboratorio dell'Economia Civile. Andrea Fora nominato presidente.

28-03-2011

Terzo settore. La Camera di Commercio di Perugia insedia il Laboratorio dell'Economia Civile. Andrea Fora nominato presidente.

 

 

Si è insediato il nuovo Laboratorio dell’Economia Civile della Camera di Commercio di Perugia. Dell’organismo fanno parte le associazioni del Terzo Settore, le organizzazioni di categoria del profit, il mondo bancario, l’Università, il Cesvol e la Conferenza Episcopale Umbra.
Alla presidenza del Laboratorio è stato chiamato Andrea Fora, consigliere e componente della Giunta camerale.


“La Camera di Commercio di Perugia ha portato un suo contributo importante alla riflessione sul come fare sviluppo economico, senza limitarsi al mondo del profit - ha detto Andrea Fora nell’assumere la presidenza del Laboratorio: chiaro segnale che ci troviamo in una comunità matura e consapevole”. Il presidente Fora ha tracciato il quadro delle finalità principali del Laboratorio dell’Economia Civile della Camera di Commercio di Perugia, ed ha rivendicato per l’economia civile il diritto di cittadinanza nei processi locali economici e sociali. “Basti pensare – ha ricordato Andrea Fora - alla consistenza in termini occupazionali delle cooperative sociali della provincia di Perugia che vedono l’impiego di 5.000 persone retribuite. Il Laboratorio può farsi promotore di una riflessione intorno al mercato vero e proprio della reciprocità e dei beni comuni, in quanto non c’è sviluppo economico senza benessere e coesione sociale, che non sono fondati sulla filantropia o sulla donazione, quanto nel collegamento tra loro. La prospettiva del progetto è dunque quella della sussidiarietà orizzontale, in cui il benessere sociale è partecipato da tutti e il punto di partenza non è legato solo alle risorse”. Fora ha quindi prospettato per il Laboratorio una sfida ambiziosa: rendere competitivo sul mercato e di dare valore economico ai beni sociali, in altre parole dare valore economico alla costruzione dell’economia sociale.


All’insediamento del Laboratorio dell’Economia Civile è intervenuto il Presidente della Giunta della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni, che ha ricordato l’impegno della Camera a favore del Terzo Settore e dell’economia civile, che qualche anno fa portò alla istituzione del primo Laboratorio dell’Economia Civile, quale agorà permanente di relazione tra Terzo Settore e Profit. “L’interesse della Camera di Commercio verso il non profit – ha sottolineato il Presidente Mencaroni – ha accompagnato la crescita del Terzo Settore divenuto ormai un “pezzo” importante della nostra economia, un settore che non genera profitti, ma redditi e che apre la strada ad un’economia di tipo “pluralista”. La Camera di Commercio, ha assicurato Mencaroni continuerà ad impegnarsi nel rafforzamento e nel sostegno al Laboratorio dell’Economia Civile, nella consapevolezza che il Terzo Settore rappresenta un fattore di crescita economica e sociale equilibrato e sostenibile, ispirato a processi di partecipazione in grado di dare valore alla centralità del capitale umano, risorsa fondamentale affinché un’attività possa durare nel tempo.


Il Presidente Mencaroni ha tenuto a sottolineare come dal punto di vista organizzativo sia stato strategico l’allargamento della composizione del precedente Laboratorio nella nuova formazione e sul programma di attività ha prospettato alcune ipotesi quali la creazione di uno sportello informativo di primo livello per chi voglia avvicinarsi all’economia sociale, la realizzazione di azioni di sensibilizzazione anche attraverso una più stretta collaborazione con il mondo della Scuola. “E’ questo un passaggio importante – ha detto Mencaroni - anche in considerazione dell’attenzione che il sistema scolastico umbro riserva alle tematiche del Terzo Settore, ritenuto capace di creare non solo opportunità di lavoro autonomo per i giovani, ma anche esperienze professionalizzanti che vanno a vantaggio anche delle imprese profit, che possono contare su profili professionali di giovani preparati e non avulsi dal mondo imprenditoriale.


Il Prof. Pierluigi Grasselli, che nel Laboratorio rappresenta l’Università degli Studi di Perugia, ha constatato come il mondo dell’economia civile risulti ancora poco conosciuto, benché si tratti di un fattore importante, non solo dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista sociale. “Viviamo – ha detto il Prof. Grasselli – in una società frammentata e disaggregata, in cui i giovani non coltivano speranze per il futuro. Il concetto di bene comune, inoltre, è quanto di più lontano da quanto proposto dalla società individualistica e utilitaristica, sebbene il capitale sociale sia necessario per la fiducia quale motore dell’economia. Con l’aiuto del Non Profit, il Laboratorio ha l’opportunità di dimostrare alle imprese che senza il vincolo della promozione e del rispetto della persona è difficile essere competitivi. Nel contempo, le imprese sociali possono apprendere dal profit le modalità per essere maggiormente efficienti, in un mondo in cui le risorse sono limitate ed i bisogni crescono in modo esponenziale”.

 

Laboratorio dell'economia civile - Composizione integrale

 

 Andrea Fora    

Andrea Fora


 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.5/5 (44 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia