Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Osservatorio sull'Imprenditoria Femminile - I trimestre 2011

03-06-2011

Osservatorio sull'Imprenditoria Femminile - I trimestre 2011

  

Osservatorio sull’Imprenditoria Femminile - I trimestre 2011

Imprese: è più “rosa” il tessuto dell’Italia produttiva
15mila imprese femminili in più tra marzo 2011 e 2010 (+1%)

 

Al 31 marzo 2011 in provincia di Perugia le imprese femminili erano 18.800, 316 in più rispetto a un anno fa, con una crescita dell’1,7%, ben più alta rispetto alla media nazionale (+ 1%).

 

La voglia di fare non manca, le idee nemmeno e se l’occupazione è un problema e la crisi si fa ancora sentire, le donne italiane guardano con sempre più interesse alla via dell’impresa. E fanno da sole. Alla fine di marzo ai registri delle Camere di commercio si sono contate 14.688 imprese femminili in più rispetto alla stessa data del 2010, un aumento che corrisponde ad una crescita relativa dell’1% su base annua, decisamente meglio della media del totale delle imprese cresciute, nello stesso periodo, dello 0,6%. Meglio delle altre colleghe ‘capitane’ d’impresa hanno fatto le donne della Toscana, regione leader in cui l’aumento di imprese rosa è stato doppio della media (+2%). Decisamente dinamiche anche le imprenditrici del Lazio (+1,9%) e della Puglia (+1,7%). E quelle della provincia di Perugia che con una percentuale di crescita dell’1,7% superano di gran lunga la media nazionale attestata sull’1%.


Al 31 marzo 2011 risultano costituite in provincia di Perugia 18.800 imprese a conduzione femminile, 316 in più rispetto alla stessa data del 2010. La crescita dell’1,7% spinge la provincia di Perugia al 34 posto della graduatoria delle 105 province italiane.


Leggermente più contenuta la crescita su scala regionale: +1,6%, per un totale di imprese umbre femminili al 31 marzo 2011 pari a 24.785 unità.


Se si considera l’incidenza delle imprese femminili sul tessuto economico regionale, a fronte di un tasso di femminilizzazione italiano pari al 23,4%, quello umbro tocca il 25,9%, il quarto assoluto in Italia dopo Abruzzo, Basilicata e Campania.


“Ma un dato merita attenzione particolare – ha sottolineato il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni – ed è riferito alla crescita delle forme di impresa rosa più strutturate, con le società di capitale che avanzano in Umbria del 5,1%, anche in questo caso oltre la media nazionale del 4,6%. Ciò significa che sullo stock complessivo delle imprese umbre femminili il peso delle società di capitali ha toccato il 12%, più vicino ai livelli raggiunti nelle regioni del nord Italia”.


Al contrario risultano in calo (- 0,3%) le Società di Persone, in crescita dell’1,6% le Imprese Individuali e dell’1,8% le Cooperative.


La selezione della forma giuridica ha fatto emergere nell’ultimo anno un orientamento verso forme “associate” di gestione degli assetti aziendali. E difatti, le variazioni di maggior rilievo in Umbria riguardano i consorzi saliti addirittura del 13,6% e le altre forme societarie con + 17,2%. 

 

Scarica il comunicato stampa completo di tabelle

 

Allegati

icona allegatoComunicato stampa
(pdf, 81.7kB )
 

Voci collegateimprenditoria femminile

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.4/5 (44 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia