Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Movimprese II trimestre 2011

20-07-2011

Movimprese II trimestre 2011

 

Movimprese
La demografia delle imprese in provincia di Perugia
II trimestre 2011

 

Sale a 74.243 il numero delle imprese registrate alla Camera di Commercio di Perugia nel II trimestre del 2011, in crescita dello 0,7% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Più limitata - + 0,44% - la crescita congiunturale, sul I trimestre 2011.
Tra aprile e giugno 2011 sono nate in provincia di Perugia 1.145 nuove imprese, a fronte delle 821 cessate. Il saldo è positivo per 324 unità, ma preoccupa il forte aumento delle cessazioni.
Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia: “La base imprenditoriale provinciale continua ad espandersi, ma desta preoccupazione il forte aumento delle cessazioni, che fanno registrare il peggior II trimestre degli ultimi 5 anni. E’ evidente che ancora oggi, nonostante qualche segnale di ripresa, le aziende fanno fatica a restare sul mercato”.

 

Al 30 giugno 2011 la base imprenditoriale della provincia di Perugia raggiunge quota 74.243 unità, in crescita dello 0,7% rispetto al 30 giugno 2010 e dello 0,44% sul dato (congiunturale) rilevato al 30 marzo 2011.


E’ questo il dato generale che emerge dalla rilevazione Movimprese per il II trimestre 2011 sulla nati-mortalità delle imprese.


Nel periodo considerato (II trimestre 2011) sono state create in provincia di Perugia 1.145 nuove imprese, mentre 821 sono cessate. “E se le nuove iscrizioni – ha commentato il presidente Mencaroni – si sono mantenute nella media dei secondi trimestri dell’ultimo quinquennio, dobbiamo registrare un consistente – e per certi versi inatteso – aumento delle cessazioni, cresciute del 45% rispetto al II trimestre del 2010. In termini assoluti da aprile a giugno di quest’anno 821 imprese hanno chiuso: si tratta di ditte individuali (il 75%), di società di persone (il 13%), ma anche società di capitali (oltre il 9% del totale delle cessazioni). Nell’ultimo quinquennio, mai un II trimestre aveva registrato un livello così alto di cessazioni”.

 

“E’ evidente - ha commentato il presidente della Camera di Commercio di Perugia – che le imprese non solo non avvertono la spinta di una ripresa inconsistente, ma al contrario non riescono a restare sul mercato e ne vengono espulse. La cosa è preoccupante”.


Come consistenza numerica risultano in calo soprattutto i settori dell’Agricoltura, del Trasporto e Magazzinaggio, Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento, e delle Attività Finanziarie e Assicurative. In aumento soprattutto i comparti del Commercio, delle Attività immobiliari, delle Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione, delle Attività professionali, scientifiche e tecniche, del Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, stabili le Costruzioni.


La struttura imprenditoriale della provincia resta composta in maggior parte da Ditte Individuali (54%), seguite dalle Società di Persone che rappresentano il 24% e dalle Società di Capitale con il 18%. 

 

Scarica il comunicato integrale completo di tabelle
 

Allegati

Voci collegateeconomia, movimprese, statistica

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.9/5 (52 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia