Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > " Touch of Umbria ", il tessile nel cuore d'Italia - Iniziativa editoriale per la promozione delle eccellenze tessili dell'Umbria

05-09-2011

" Touch of Umbria ", il tessile nel cuore d'Italia - Iniziativa editoriale per la promozione delle eccellenze tessili dell'Umbria

 

 

Touch of Umbria – Il tessile nel cuore d’Italia” presenta le esperienze delle imprese tessili umbre che hanno aderito al sistema di tracciabilità volontario ITF (Italian Textile Fashion) promosso dalle Camere di Commercio Italiane allo scopo di rafforzare e promuovere il comparto della Moda, dal tessile all’abbigliamento, dalla pelletteria alle calzature. L’iniziativa editoriale presentata ufficialmente nel corso di una Conferenza Stampa tenuta dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia e di Unioncamere Umbria Giorgio Mencaroni con l’intervento di Sergio Mercuri, Presidente di Promocamera e di Alessandra Vittoria, Direttore Unionfiliere. In questa occasione, inoltre, il Presidente Mencaroni ha lanciato l’idea di promuovere tutte le eccellenze espresse dalla nostra Regione attraverso un marchio identificativo comune che indichi le radici umbre.

 


Il volume realizzato dalla Camera di Commercio di Perugia e da Unioncamere Umbria, attraverso l’azienda speciale Promocamera, presenta le storie di aziende che con la loro capacità di fare bene, sanno raccontare l’Umbria coniugando tradizione e innovazione, sapienza artigianale e avanzamento tecnologico, con esiti di assoluto valore. Come dire: qualità e raffinatezza, testimonianza di un Umbria di eccellenza, garantita e certificata per quanto riferito al sistema Moda, dal Marchio ITF, sistema di tracciabilità condiviso e trasparente che porta in etichetta ogni informazione sulla vita del capo lavorato, evidenziando con chiarezza le tappe della filiera e l’origine di tutte le singole fasi produttive.

 


“L’Umbria è una delle regioni italiane più impegnata sul fronte del sistema di tracciabilità TF – ha ricordato Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia. Una scelta rivolta alla trasparenza e alla valorizzazione del grande patrimonio di professionalità e artigianalità che caratterizza le imprese umbre. L’etichetta TF è il passaporto del capo finito da cui il consumatore ricava le informazioni per un acquisto consapevole, nella certezza della autenticità del prodotto, della certificazione delle materie prime utilizzate e dei luoghi in cui i vari cicli produttivi si sono effettivamente svolti. Allo stesso tempo l’Etichetta TF offre al produttore l’opportunità di costruire il suo vantaggio competitivo puntando su qualità ed etica”.

 


Otto le aziende del settore moda che, ognuna con il proprio brand, hanno aderito volontariamente al programma TF e il cui profilo è stato inserito nel volume “Touch of Umbria – Il tessile nel cuore d’Italia”.Sono:
In Maglia di Massimo Nocetti:
Arnaldo Caprai gruppo tessile;
Cruciani di Luca Caprai;
Sterne International di Gianluca Mirabassi;
Cardinalini & C. di Mauro Cardinalini;
Gianangeli srl di Giuseppe Gianangeli;
La Maglia sas di Paola Mela;
Sati Bibò di Sabrina Carbone.
(Vedi volume in Cartella Stampa).

 

 

Al Made in Italy, in generale, è riconosciuto ampiamente il merito di sapersi distinguere per creatività e qualità e in questa definizione rientrano a pieno titolo le imprese umbre tracciate TF, a cui è dedicato il volume presentato stamane.
“Cosa significa – si è chiesto il Presidente Mencaroni - raccontare l’eccellenza di alcune aziende e della regione in cui operano? A mio avviso, è cercare di “far sfiorare” - da qui il titolo “Touch of Umbria – Il tessile nel cuore d’Italia” - anche attraverso esperienze visive e narrative, un mondo affascinante che si compone di un fitto intreccio di terra, storia, tradizione, radici culturali, appartenenza, lavoro, professionalità, competenza, innovazione, carisma imprenditoriale, con riferimento non ai singoli imprenditori, ma, laddove coinvolta, a tutta la famiglia, creatività e, perché no, capacità di saper cogliere le opportunità offerte dalle Istituzioni, come TF, per promuoversi attraverso l’etica e la trasparenza presso consumatori e buyers”.


“Touch of Umbria – Il Tessile nel cuore d’Italia” è una pubblicazione che ha inteso trasmettere la qualità, l’eleganza, la raffinatezza delle produzioni delle aziende tracciate, puntando sull’arguzia dei testi e la suggestione delle immagini fotografiche, in una fusion da cui escono tratteggiati i plus delle imprese e il profilo dei loro “Capitani”. “E ovviamente – ha sottolineato il Presidente Mencaroni – l’alto livello di artigianalità dei prodotti e tante informazioni e riferimenti utili ad entrare in contatto con le aziende. Agli imprenditori ed ai loro staff il merito di non aver esitato a “metterci la faccia”, a farsi vedere non per vanità, ma per rendere personali e personalizzati i rapporti con i potenziali clienti. A ribadire che dietro la moda, che a volte può sembrare effimera, c’è il reale e concreto impegno di persone determinate a fare bene il proprio lavoro. E nel mentre cerchiamo di ricollocare al centro dell’attenzione l’economia reale, questo mi pare un contributo positivo”.

 

Ma la promozione del comparto moda, settore fondante dell’economia regionale, non termina qui, ha annunciato Mencaroni. Camera di Commercio di Perugia e Unioncamere Umbria, dando seguito a questa iniziativa, terranno a breve una manifestazione al Centro Servizi Camerali “Galeazzo Alessi” di via Mazzini a Perugia, che permetterà a tutti di toccare con mano il lavoro di questi imprenditori, di calarsi in un vero e proprio ambiente di lavoro riprodotto con tanto di macchinari e personale all’opera, così da assistere dal vivo alla creazione di un pregiato capo in cashmere o di un merletto artistico.


“Anche questo evento sarà curato da Promocamera – ha ricordato il Presidente Sergio Mercuri – e così come per “Touch of Umbria” cercheremo di svelare di fronte agli occhi di tutti questo mondo fatto di mani laboriose, di intelligenze creative, di sensibilità nel gusto e nella scelta di materiali di pregio”.
La Dr.ssa Alessandra Vittoria, direttore di Unionfiliere, si è soffermata sulle caratteristiche del sistema ITF per la tracciabilità nel settore moda, ribadendone gli obiettivi che hanno guidato la nascita e lo sviluppo dell’iniziativa. “Le aziende che volontariamente adottano questo sistema – ha detto la Dr.ssa Vittoria – fanno chiarezza sull’ origine delle diverse fasi di lavorazione di un capo in vendita, evitando la confusione talvolta ingenerata sul mercato e nel consumatore da marchi, brand e loghi; certificano, in modo trasparente ed efficace, l’origine delle produzioni, favorendo una naturale distinzione tra quella nazionale e quella d'importazione; creano filiere integrate cliente – fornitore – subfornitore; garantiscono un consumo “critico”, consentendo ai consumatori di acquistare un prodotto di cui conoscono tutta la storia, comunicata chiaramente in un’apposita etichetta, che sancisce la provenienza di ciascuna fase di lavorazione.
 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.8/5 (43 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia