Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 10-08-2009 Osservatorio Congiunturale della Camera di Commercio sul Manifatturiero e sul Commercio della Provincia di Perugia

10-08-2009

Osservatorio Congiunturale della Camera di Commercio sul Manifatturiero e sul Commercio della Provincia di Perugia

Nel II° Trimestre del 2009 in deciso arretramento rispetto a un anno fa Produzione, Fatturato e Ordinativi delle imprese manifatturiere della provincia di Perugia.
Vendite in calo per il Commercio (-3,3%, male il dettaglio, stazionaria la grande distribuzione), nonostante i prezzi siano scesi dello 0,8% rispetto a un anno fa.
Per l’export nuova flessione: - 5,9% su base annua.
Tuttavia sembra arrestarsi la pesante caduta registrata nel 1° Trimestre 2009, rispetto alla quale si registra un piccolo recupero, seppur limitato a frazioni di punto.
Il sistema economico provinciale conferma la sua capacità di resistenza e registra flessioni meno marcate sia rispetto a quelle nazionali che del Centro Italia.
Ing. Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia: “L’ondata recessiva è ancora forte e continua a colpire trasversalmente la quasi totalità dei comparti produttivi della nostra provincia. Tuttavia, è incoraggiante notare che nel 2° Trimestre dell’anno non si è ripetuta la caduta del primo Trimestre e che stanno emergendo i primi segnali di stabilizzazione, forse ancora non sufficienti ad invertire un quadro che resta critico, ma comunque indicativi di un progressivo superamento della fase più acuta della crisi”.

 


La Camera di Commercio di Perugia ha presentato i dati dell’Osservatorio Congiunturale sul Manifatturiero e sul Commercio, realizzato in collaborazione con Unioncamere nazionale, relativi al 2° Trimestre di quest’anno. Per il Manifatturiero il campione preso in esame è di 301 imprese rappresentative delle piccole e medie imprese (fino a 500 dipendenti) provinciali di tutti i settori, compreso l’artigianato. L’indagine relativa al Commercio utilizza un campione di 125 aziende del commercio al dettaglio operanti in provincia di Perugia.

I Dati dell’Osservatorio congiunturale per il manifatturiero

Nei settori del Manifatturiero da aprile a giugno di quest’anno ancora in calo la Produzione, il Fatturato e gli Ordinativi rispetto al corrispondente periodo di un anno fa. Dati attesi, peraltro ampiamente previsti dall’Osservatorio, che confermano lo stato di criticità che ancora interessa la gran parte dei settori produttivi della provincia, ma che ad una attenta lettura lasciano intravedere un fatto nuovo: la caduta sembra arrestarsi ed il II° Trimestre dell’anno – fortemente negativo se parametrato ad un anno fa – presenta una sostanziale stabilità rispetto ai primi tre mesi dell’anno, sui quali anzi si registra un leggero recupero.

Nel dettaglio
Nel II trimestre dell’anno la Produzione manifatturiera provinciale registra una riduzione tendenziale del 9% rispetto a un anno fa, ma in leggero recupero sulla flessione del 9,2% rilevata lo scorso trimestre. La diminuzione della produzione provinciale è meno marcata rispetto a quella nazionale (-16%) e a quella delle regioni del Centro (-15,5%).
In calo anche il Fatturato: - 9,5% come variazione tendenziale sul II° Trimestre 2008, ma anche in questo caso in attenuazione rispetto al –10,1% del I° Trimestre 2009. La contrazione del Fatturato provinciale è inferiore a quella del Centro (- 12,6%), e soprattutto a quella nazionale (–14,1%).
Gli Ordinativi delle imprese manifatturiere della provincia nel II trimestre 2009 fanno segnare una riduzione tendenziale (corrispondente periodo di un anno fa) del 10,6%, e in leggero rallentamento se riferito allo scorso trimestre (-10,8% ). La riduzione provinciale è meno accentuata di quella delle regioni del Centro (-16,1%), e di quella nazionale (-15,2%).

“L’onda recessiva è ancora forte e continua a colpire trasversalmente la quasi totalità dei comparti produttivi della nostra provincia” ha detto analizzando i risultati dell’Osservatorio il presidente della Camera di Commercio di Perugia Ing. Giorgio Mencaroni. “Tuttavia, è incoraggiante notare – ha evidenziato il presidente Mencaroni - che nel 2° Trimestre dell’anno pare arrestarsi la caduta rilevata nel primo Trimestre e che stanno emergendo i primi segnali di stabilizzazione, forse ancora non sufficienti ad invertire un quadro che resta critico, ma comunque indicativi di una situazione nuova che in qualche modo appare allontanarsi dal punto più acuto della crisi”.
Ancora Mencaroni: “Voglio anche sottolineare come dall’Osservatorio esca confermata la capacità di resistenza del nostro sistema economico che in questo momento sembra addirittura in grado di fronteggiare la crisi meglio di quanto non riescano a fare nell’area del Centro Italia e nel resto del Paese”.
“Il II° Trimestre 2009 presenta comunque un bilancio negativo – ha aggiunto Mencaroni – che coinvolge le imprese di tutte le classi dimensionali, con una accentuazione delle difficoltà per quelle più piccole, con meno di 10 dipendenti, che, rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, segnano riduzioni più accentuate: -10,3% nella Produzione, -9,6 nel Fatturato e –11,7% negli Ordinativi. Le imprese più grandi, quelle con oltre 49 dipendenti, realizzano risultati leggermente migliori salvo che per il Fatturato, mentre sono più contenute le flessioni per le imprese medie (in provincia da 10 a 49 dipendenti): -7,5% per la Produzione, -8,4% per il Fatturato, e gli Ordinativi -10,6%”. E’ dunque questa la tipologia di impresa che meglio di altre riesce a mantenere le proprie posizioni sul mercato”.

A livello settoriale le flessioni più consistenti sono segnalate dalle Industrie Tessili, Abbigliamento e Calzature con –14,8% nella Produzione, -14,8% nel Fatturato e -15,6% negli Ordinativi; dalle industrie delle Macchine Elettriche ed Elettroniche con –11,2% nella Produzione, -10,8% nel Fatturato e -14,6% negli Ordinativi; dalle Industrie Meccaniche e dei Trasporti con –11,1% nella Produzione, -12,4% nel Fatturato e -12,2% negli Ordinativi.

Nel Manifatturiero, più grave la situazione dei comparti artigiani che realizzano risultati peggiori nella Produzione e negli Ordinativi, ma in ripresa nel Fatturato dove flettono meno delle altre imprese manifatturiere.
“Oltre ai problemi legati alle dinamiche produttive – ha continuato il presidente della Camera di Commercio – dobbiamo fare ben attenzione all’andamento dei prezzi, che presenta segni evidenti di deflazione: i prezzi praticati nel nostro mercato interno sono in discesa dello 0,8% sullo stesso trimestre del 2008, in frenata rispetto allo scorso trimestre quando la flessione si era fermata al - 0,2%. Meno marcata la riduzione dei prezzi (- 0,5%) dei prodotti artigianali”.
Peggiora la situazione dell’export nel II Trimestre: -5,9% su base tendenziale, a fronte del -3% del I° Trimestre. Anche in questo caso va sottolineata la migliore tenuta dell’export perugino in confronto con le altre ripartizioni territoriali: il Centro Italia arretra del 10,5%, quasi il doppio del dato della provincia di Perugia; ancora più marcata la distanza dal dato nazionale che arriva al –12,3%.

Sul fronte Export, risultati meno negativi si registrano nell’artigiano locale: –3,9%, a fronte del –5,9% del manifatturiero complessivo. A livello nazionale l’artigianato fa segnare risultati decisamente peggiori, –12,7%.

Manifatturiero: previsioni e aspettative
L’andamento registrato nel II trimestre sembra influenzare le previsioni per il III trimestre 2009 formulate dagli imprenditori perugini del manifatturiero. Le aspettative, infatti, sono ancora caratterizzate dal segno negativo, in linea con l’andamento nazionale. A livello provinciale la percentuale di imprese che prevedono un incremento della Produzione è inferiore a quelle che si attendono una diminuzione. Il saldo, pertanto, è in rosso e si attesta a -6, comunque un po’ meglio rispetto al -10 nazionale. Il saldo del Fatturato è pari a -7, in linea con il -8 registrato su scala nazionale. Per gli Ordinativi interni il saldo è a -7, perfettamente allineato al valore nazionale. Le previsioni per gli Ordinativi esteri registrano un debole segno positivo, il saldo è pari a +1 contro il – 7 nazionale.


I dati dell’Osservatorio Congiunturale per il Commercio
In calo le vendite del Settore del Commercio della provincia di Perugia: nel II trimestre del 2009 si registra un –3,3% rispetto allo stesso trimestre del 2008.

Il bilancio in rosso delle vendite provinciali è da ricondurre essenzialmente ai risultati negativi conseguiti dalle imprese del commercio al dettaglio di prodotti alimentari: -6,2%, un dato che in questo caso peggiora considerevolmente l’arretramento del 3,2% registrato nei primi tre mesi del 2009. Al contrario le imprese al dettaglio dei prodotti non alimentari, pur scontando un calo del 3,7%, migliorano leggermente rispetto al – 4,3% del I trimestre 2009.
Va meglio la GDO (Grande Distribuzione Organizzata) che riesce a spuntare un dato positivo seppur limitato a un + 0,1% che peraltro risulta inferiore a quello realizzato lo scorso trimestre (+1,9%).

Commercio: le previsioni per il III° trimestre 2009
Sono negative le previsioni relative al III trimestre del 2009 formulate dalle imprese commerciali della provincia. La percentuale di imprese che prevedono un incremento delle vendite per il prossimo trimestre è inferiore a quelle che si attendono una diminuzione: il saldo, pertanto, risulta negativo e pari a -10, comunque in miglioramento rispetto al –19 del I trimestre 2009.
Il saldo negativo è determinato dalle previsioni negative formulate dai commercianti al dettaglio dei prodotti alimentari (-18) e dei prodotti non alimentari (-17). Le imprese della GDO, invece, fanno registrare un saldo positivo pari a +17.
“Dall’analisi delle risposte relative alle prospettive del mercato – ha concluso il Presidente Mencaroni – trova riscontro quello che forse è il dato più interessante: gli imprenditori manifestano una fiducia “motivata” che li porta a prevedere da qui a un anno un mercato stabile per il 51% delle imprese e un mercato in sviluppo per il 48%. Risultati che rispecchiano una forte e decisa volontà d’agire, un valore aggiunto decisivo per il superamento dell’attuale difficilissimo



Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.6/5 (46 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia