Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Osservatorio Congiunturale su Manifatturiero e Commercio, III trimestre 2013

12-12-2013

Osservatorio Congiunturale su Manifatturiero e Commercio, III trimestre 2013

 

Osservatorio congiunturale sul ManifatturieroIndustria e Artigianato - e sul Commercio della Provincia di Perugia Congiuntura III trimestre 2013 e previsioni IV trimestre 2013

Il presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni ha presentato i risultati dell’Osservatorio Congiunturale sul Manifatturiero e il Commercio per il III trimestre dell’anno in corso.
Giorgio Mencaroni: “Da tempo era apparso chiaro che la ripresa annunciata per la fine dell’anno non ci sarebbe stata, ma nel III trimestre qualche accenno un po’ più consistente di miglioramento lo abbiamo registrato. Certo servono altri numeri per uscire dalla recessione, ma è significativo il ritorno in campo positivo della Produzione manifatturiera e la crescita degli Ordinativi. Scontiamo un nuovo calo del Fatturato, compensato però dalla quota estera, che mette a segno un progresso del 6,6% su base annua. Positivi anche gli Ordinativi esteri, anche rispetto al trimestre precedente”.


“Contrastanti i risultati del manifatturiero artigiano: male la Produzione, flessione attenuata per il Fatturato, invariati gli Ordinativi”. “Prosegue la contrazione dei consumi, anche se rallenta la caduta nelle vendite, che nel III trimestre 2013 risalgono di 2 punti percentuali sul II trimestre, da – 5,2% a – 3,1%. Nel commercio alle consuete difficoltà delle imprese al dettaglio – e questo è un dato nuovo – si aggiungono quelle della Grande Distribuzione, in calo meno evidente ma pur sempre intorno all’1%”.
“Da troppo tempo denunciamo la mancanza di decisione e volontà politica che portino all’adozione di misure realmente in grado di sostenere una crescita che rischiamo di non agganciare anche nel 2014. E dopo cinque anni di crisi, sarebbe veramente drammatico lasciare spegnersi i flebili segnali che arrivano dal sistema economico nazionale e locale”.

Manufatturiero

Nel III trimestre emergono le prime tendenze positive, che però si affiancano a dati ancora negativi, nonostante il leggero progresso. La Produzione entra finalmente in campo positivo, anche se il valore della variazione appare di entità modesta. E’ buono l’andamento delle esportazioni, ma le forti difficoltà del mercato interno, influenzano negativamente il Fatturato manifatturiero che peggiora, annullando la progressione del precedente trimestre. Migliora l’andamento degli Ordinativi, anche in funzione dell’attivo delle festività, ma la variazione tendenziale si mantiene ancora sotto lo zero. E’ questo in sintesi lo scenario che emerge dall’Osservatorio Congiunturale della Camera di Commercio di Perugia attraverso l’indagine condotta su un campione di 390 imprese manifatturiere.

Nel III trimestre 2013 la Produzione manifatturiera provinciale registra finalmente un valore positivo, anche se di poco superiore allo zero: +0,3% su base annua, a fronte del -2% tendenziale del precedente trimestre. Il dato perugino risulta più incoraggiante del dato medio regionale, che rimane ancora col segno negativo: -1,5% tendenziale.

All’opposto il Fatturato delle imprese manifatturiere della provincia, nel III trimestre 2013, si attesta a –2,1% su base annua, evidenziando un peggioramento rispetto al -1,4% tendenziale del II trimestre del 2013. Anche in questo caso il dato perugino risulta migliore di quello dell’Umbria, pari a -3%. L’ulteriore calo è legato al peggioramento del mercato interno: nel III trimestre, infatti, si intensifica la flessione tendenziale del fatturato interno: dal precedente -2,1%, si passa al -3,9% Netta accelerazione, invece, del Fatturato estero: la variazione su base annua, infatti, si attesta a +6,6%, più del triplo rispetto al + 2% registrato nel II trimestre del 2013.

Anche la variazione tendenziale degli Ordinativi perugini mostra un miglioramento, che, tuttavia, non è ancora sufficiente per raggiungere il segno positivo: -0,5% tendenziale a fronte del -2,4%, registrato nel II trimestre 2013. La performance provinciale è più incoraggiante di quella regionale, che si ferma a -1,2%. Per quanto riguarda gli Ordinativi esteri, essi evidenziano ancora una crescita su base tendenziale, in lieve progressione rispetto al precedente trimestre: la variazione su base annua, infatti, si attesta al +1,7%, a fronte del +1,4% tendenziale del secondo trimestre dell’anno. Qualche dato incoraggiante anche per gli ordinativi interni, che rimangono negativi, ma che migliorano in misura consistente rispetto al precedente dato: -1% la variazione tendenziale nel III trimestre 2013, a fronte del precedente -3,2%.

Segni contrastanti provengono dall’Artigianato provinciale. Nel III trimestre 2013 la Produzione dell’artigianato peggiora, il Fatturato, invece, attenua la flessione, ma rimane negativo; mentre il calo degli Ordinativi resta invariato. In particolare, la Produzione su base annua intensifica la sua flessione: -2,8% la variazione tendenziale a fronte del -2,2% dello scorso trimestre. Il Fatturato segna un -1,3% tendenziale, ancora negativo ma in miglioramento rispetto al precedente dato (-3,4%). Gli Ordinativi, come lo scorso trimestre, confermano una flessione tendenziale del -4,2%.

Le Imprese manifatturiere nel breve periodo non si attendono segnali di ripresa del ciclo economico. Il bilancio complessivo delle previsioni per il IV trimestre dell’anno è caratterizzato ancora dal segno meno sia per la produzione che il fatturato interno, ma i saldi negativi si riducono anche in vista delle prossime festività. Le imprese che prevedono un incremento della produzione sono inferiori a quelle che si attendono una diminuzione, il saldo si attesta a -12, in attenuazione rispetto al -38 dello scorso trimestre. Le aspettative relative al IV trimestre 2013 segnalano anche per il Fatturato un saldo che si attesta ancora in campo negativo (-8) ma in attenuazione rispetto al dato precedente (-35). Per gli Ordinativi interni, il saldo scende a -13, in forte attenuazione rispetto allo scorso trimestre -42. Prevale ancora l’ottimismo nei confronti dell’Export: sono, infatti, positive le previsioni per gli Ordinativi esteri, con un saldo pari a +16, in linea con le precedenti aspettative.

 

produzione
fatturato
fatturato interno
fatturato estero
ordinativi
ordinativi interno
ordinativi esteri
artigiane
-2,8
-1,3
-1,8
4,9
-4,2
-4,7
1,4
non artigiane
1,8
-2,4
-5,1
6,9
1,1
0,9
1,7
Totale
0,3
-2,1
-3,9
6,6
-0,5
-1,0
1,7
Industrie alimentari
-0,2
-2,3
-4,0
4,5
0,0
-0,6
2,1
Industrie tessili, dell'abbigliamento e delle calzature
-2,5
-3,5
-2,1
-11,6
-0,7
-0,9
0,7
Industrie del legno e del mobile
-1,8
3,4
1,9
17,3
-5,8
-6,5
-1,0
Industrie chimiche, petrolifere e delle materie plastiche
1,5
2,0
1,6
4,7
1,5
0,2
5,9
Industrie dei metalli
0,9
-5,0
-6,2
-0,3
-2,6
0,0
-16,2
Industrie elettriche ed elettroniche
-0,5
-12,3
-14,7
10,0
-1,5
-2,2
4,5
Industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto
-2,7
-4,3
-8,3
7,9
2,4
1,4
6,8
Altre industrie
3,9
0,5
-3,0
20,1
0,7
-1,3
10,6
0-9 add.
-3,7
-3,0
-2,7
-8,2
-3,7
-4,1
4,7
10-49 add.
0,6
0,1
-0,9
5,2
0,9
-0,3
6,9
50 e più
4,1
-2,7
-8,2
10,2
1,1
1,9
-1,0

Commercio

Anche nel III trimestre 2013 prosegue la fase di contrazione dei consumi, ma si attenua la caduta delle vendite del commercio, nella provincia di Perugia, dopo le marcate flessioni evidenziate nella prima metà dell’anno. La variazione tendenziale delle vendite rispetto allo stesso periodo del 2012 è pari a –3,1%, in alleggerimento però rispetto al -5,2% del trimestre precedente. Il dato della provincia di Perugia appare poco al di sotto del valore regionale, che si attesta a -2,7% su base annua.

Nessuno dei comparti si sottrae all’andamento negativo, infatti il bilancio in rosso delle vendite provinciali è da ricondurre ai risultati negativi registrati da tutte le imprese del commercio al dettaglio, sia di prodotti alimentari che di prodotti non alimentari, nonché dalla GDO - Grande Distribuzione, ma la distanza del commercio al dettaglio è piuttosto marcata. Il segmento non alimentare, anche questo trimestre, appare il più penalizzato dalle decisioni di acquisto dei consumatori, con una variazione tendenziale del -3,9%, che tuttavia appare meno negativa rispetto al -6,4%, dello scorso trimestre. Anche il segmento alimentare mostra un’attenuazione della flessione, rimanendo comunque negativo: la variazione tendenziale si attesta a -3,2% a fronte del -5,1%, dello scorso trimestre. La riduzione delle vendite nella grande distribuzione mostra un leggero progresso, nel senso che si attenua il valore negativo: si passa da una variazione tendenziale del -2,7% registrata nel II trimestre dell’anno, al -0,9% del III trimestre.


Gli Ordinativi ai fornitori rallentano la loro caduta, la variazione tendenziale del III trimestre 2013 è pari a -4,1% ancora decisamente negativa, ma in ulteriore miglioramento rispetto al -5,4%, registrato su base annua lo scorso trimestre. Il dato provinciale risulta più accentuato rispetto al -3,7% tendenziale registrato a livello regionale. I prezzi nel III trimestre 2013 registrano un lievissimo incremento su base annua, mentre lo scorso trimestre si erano rilevati stabili in termini tendenziali. Si intensifica, invece, la flessione, dell’occupazione. Il numero di lavoratori del III trimestre 2013 scende del 2,8%, rispetto all’analogo trimestre del 2012, arretrando ulteriormente rispetto al II trimestre, in cui la variazione si era attestata a -2,1% su base annua.

Rimangono negative le previsioni per il prossimo trimestre formulate dalle imprese commerciali della provincia. Le aziende che si attendono una flessione nelle vendite nel IV trimestre del 2013 risultano superiori a quelle che segnalano un aumento. Il saldo, pertanto, è negativo e si attesta a -24, mostrando un miglioramento rispetto al -36 del precedente trimestre. I prezzi nel prossimo trimestre dovrebbero mantenersi stabili, così come l’occupazione per la quale non sono previste variazioni sostanziali. Infine il saldo tra le attese di aumento e diminuzione degli ordini rivolti ai fornitori, riferiti al IV trimestre 2013, si presenta negativo. Con un valore ancora decisamente negativo (-32), segna comunque una progressione rispetto al -45 del trimestre precedente. 


 

 

  

Voci collegatecommercio, congiuntura, manifatturiero

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.7/5 (41 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia