Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Movimprese - II Trimestre 2014

21-07-2014

Movimprese - II Trimestre 2014

 

La demografia delle imprese in provincia di Perugia nel secondo trimestre 2014
Al 30 giugno 2014 lo stock complessivo delle imprese operanti in provincia di Perugia si ferma a quota 73.004 unità, in calo di 602 unità rispetto a un anno fa, ma in ripresa sul trimestre precedente (+28 imprese). 
Da aprile a giugno di quest’anno in provincia di Perugia sono nate 1.028 nuove imprese, mentre 913 hanno cessato l’attività. Il saldo risulta positivo di 115 unità, con una crescita praticamente azzerata - + 0,16% - che relega Perugia al 103° posto sul totale delle 105 province italiane. Peggio di Perugia soltanto Catania e Caltanisetta.


Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia:
“Una crescita tanto esigua non consolida una tendenza chiara. Anche secondo questo indicatore, la ripresa è ancora indefinita e inconsistente. Tuttavia, registriamo un qualche miglioramento congiunturale e rispetto al I trimestre 2014 osserviamo una forte riduzione delle cessazioni (- 46%) e una meno intensa contrazione delle iscrizioni”.
“E purtroppo, non rallenta la dinamica dei fallimenti e delle procedure concorsuali, cresciuti in provincia rispetto a un anno fa, del 53,7% i primi e del 42,9% i secondi”.


Nel secondo trimestre del 2014, il sistema produttivo della provincia di Perugia è tornato ad accrescersi, seppur a ritmi molto contenuti.
I dati dell’ultima rilevazione di Movimprese sulla nascita/mortalità delle imprese (II trimestre 2014) non risultano influenzati da una ancora debole ripresa dei cicli economici.
Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia: “Da aprile a giugno di quest’anno in provincia di Perugia sono nate 1.028 nuove imprese, mentre 913 hanno cessato l’attività. Il saldo risulta positivo di 115 unità, con una crescita però praticamente azzerata - + 0,16% - contro una media nazionale addirittura del + 5,9% - che relega Perugia al 103° posto sul totale delle 105 province italiane. Peggio di Perugia soltanto Catania e Caltanisetta”. Ancora Mencaroni: “Una crescita tanto esigua non consolida una tendenza chiara e anche secondo questo indicatore, la ripresa è ancora indefinita e inconsistente. Tuttavia, registriamo un qualche miglioramento congiunturale e rispetto al I trimestre 2014 osserviamo una forte riduzione delle cessazioni (- 46%) e una meno intensa contrazione delle iscrizioni. Purtroppo, non rallenta la dinamica dei fallimenti e delle procedure concorsuali, cresciuti in provincia rispetto a un anno fa, del 53,7% i primi e del 42,9% i secondi”.

 

scarica il comunicato stampa completo di tabelle
 

Voci collegatemovimprese

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.6/5 (37 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia