Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Prefetto De Miro incontra la Giunta Camerale di Perugia

18-11-2014

Prefetto De Miro incontra la Giunta Camerale di Perugia

 

 

La difesa e tutela della legalità e della trasparenza per lo sviluppo economico, impegno comune di Prefettura e Camera di Commercio di Perugia

 

Il prefetto di Perugia Antonella De Miro si è incontrata con la nuova Giunta della Camera di Commercio di Perugia, alla sua prima riunione dopo l’insediamento.

Sicurezza, contrasto della illegalità, lotta alle infiltrazioni malavitose, ricerca e salvaguardia della trasparenza contro la corruzione, intorno a questi argomenti si è sviluppato il confronto tra il Prefetto De Miro e la Giunta camerale, da cui è uscita confermata la linea di piena collaborazione tra Prefettura e Camera di Commercio di Perugia.

Incontro alla Camera di Commercio di Perugia tra il Prefetto di Perugia Antonella De Miro, il presidente della Camera Giorgio Mencaroni e la nuova Giunta camerale, alla prima riunione della consiliatura inaugurata appena un mese fa.


Nel salutare il Prefetto De Miro, il presidente Mencaroni ha voluto subito ricordare la “solida e proficua” collaborazione in essere tra l’ente camerale e la Prefettura perugina. “Collaborazione – ha sottolineato Mencaroni – fondata su basi certe e codificate nel Protocollo di Intesa sottoscritto nel 2013”.


“Purtroppo, anche da noi – ha notato il Presidente Mencaroni - l’illegalità è percepita in crescita da cittadini e imprese, che chiedono di essere tutelati e garantiti da leggi severe, efficaci e realmente in grado di fronteggiare ogni forma di criminalità”. “Occorre fermezza e determinazione, perché la tutela della legalità costituisce un pilastro imprescindibile per lo sviluppo economico. Tanto più nell’attuale fase di crisi economica, che può favorire l’insorgere e l’aggravarsi di fenomeni di infiltrazione malavitosa nel nostro tessuto socio economico”.


“Non dobbiamo lascer cadere il grido di allarme che sale dalle imprese e non dobbiamo lasciare soli gli imprenditori, in questa battaglia resa ancor più difficile dalla crisi economica. Lo “Sportello Provinciale per la Legalità’ è uno strumento creato da Camera di Commercio di Perugia proprio con il fine di fornire prima assistenza a coloro che sono esposti al rischio racket ed usura, o, più in generale, si trovano ad affrontare situazioni di illegalità”. “E restare soli contro straordinarie difficoltà a volte può significare perdere tutto, anche la vita” ha detto Mencaroni riferendosi alla tragica scomparsa dell’imprenditore di Ponte Pattoli, avvenuta soltanto ieri.


Anche il Prefetto Antonella De Miro ha voluto ricordare il tragico evento, esprimendo solidarietà e vicinanza alla famiglia dell’imprenditore scomparso. “Viviamo ormai da tanto tempo in condizioni di grande difficoltà e nel pessimismo, purtroppo, tendono ad abbassarsi anche le vitali difese psicolociche”.

 

“La trasparenza e la legalità, oltre ad essere valori in sé, sono precondizioni di crescita e di sano e corretto sviluppo economico” – ha affermato il Prefetto di Perugia Antonella De Miro - e maggiore trasparenza significa maggiori garanzie per gli operatori economici di potere competere sul mercato in condizioni di leale concorrenza”.


“La Perugia e l’Umbria che ho conosciuto in questi primi due mesi di mandato, mi appaiono come realtà socio economiche sane, con una solida tradizione di osservanza delle regole e della legalità. Mi pare che sul fronte della sicurezza si possa parlare di condizione ottimale, soprattutto se messe a confronto con quelle di tante altre realtà italiane che ho conosciuto nelle mie precedetni esperienze”. “Una condizione, tuttavia, che non deve farci abbassare la guardia. Dobbiamo essere presenti e prevenire. Solo così si difende un territorio”.


“La mia Prefettura vi sarà sempre vicina e sarà sempre disponibile e aperta al dialogo e alla condivisione di strategie e azioni” ha assicurato il Prefetto De Miro. "Da parte mia – ha aggiunto il nuovo Prefetto di Perugia - lavorerò al meglio, da servitore dello Stato come deve essere ogni prefetto, cercando di non deludere le aspettative della città. Ritengo che l'azione di un prefetto non può esprimersi nel chiuso delle stanze, limitandosi ai soli atti amministrativi, ma deve muoversi soprattutto all'interno di una cornice fatta di sinergie e strette relazioni con le altre istituzioni pubbliche, compreso ovviamente il sistema delle Camere di Commercio, con cui ho sempre collaborato in maniera estremamente positiva”.

 

 

 

Voci collegatelegalitÃ, sviluppo, trasparenza

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.9/5 (38 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia