Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 16-01-2008 Business Key: la chiave per l'Impresa Digitale

16-01-2008

Business Key: la chiave per l'Impresa Digitale

 

La tecnologia digitale sta rivoluzionando i rapporti tra cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione.
La Camera di Commercio di Perugia, in collaborazione con Infocamere e le Associazioni Imprenditoriali, ha presentato l’ultimo strumento immesso sul mercato dal sistema camerale: Business Key, passepartout digitale che mette on line le imprese con le Camere di Commercio.
Alviero Moretti, presidente della Camera di Commercio: “Se riuscissimo a dematerializzazione tutti i processi contabili, amministrativi e fiscali tra imprese e Pubblica Amministrazione, il risparmio sarebbe pari a una cifra compresa tra il 3 e il 5% del Pil nazionale”.
Moderato da Giuliano Giubilei, giornalista del TG3, il convegno ha proposto le relazioni di Maria Teresa Capacchione Responsabile Marketing operativo di InfoCamere (Politiche e strumenti per l’impresa digitale: le novità normative) e Gabriele Da Rin, Product Market Manager Firma Digitale di InfoCamere (Business Key: nuovo dispositivo per la firma digitale e Carta Nazionale dei Servizi).
L’intervento di sintesi è stato svolto da Andrea Sammarco, segretario generale della Camera di Commercio di Perugia.

 

Si chiama Business Key, è un passepartout digitale che consente agli amministratori d'impresa di apporre la propria firma digitale a norma di legge senza bisogno di effettuare alcuna
installazione software o applicativa. “Un’impresa in chiave tecnologica è sempre un’impresa felice”: è questo lo slogan che sintetizza efficacemente il lancio della Business Key, un nuovo tratto del percorso verso l’impresa digitale. Questo nuovo strumento è stato presentato oggi dalla Camera di Commercio di Perugia nel corso di un incontro – convegno sul tema “Business Key: la chiave per l’impresa digitale”. Moderatore del convegno Giuliano Giubilei, giornalista del Tg3. Relatori Maria Teresa Capacchione Responsabile Marketing operativo di InfoCamere (Politiche e strumenti per l’impresa digitale: le novità normative) e Gabriele Da Rin, Product Market Manager Firma Digitale di InfoCamere (Business Key: nuovo dispositivo per la firma digitale e Carta Nazionale dei Servizi).
L’intervento di sintesi è stato svolto da Andrea Sammarco Segretario Generale della Camera di Commercio di Perugia.
“La Business Key – ha detto Moretti, aprendo il convegno – è un nuovo, importante passo della rivoluzione digitale che sta modificando radicalmente il rapporto tra cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione. La possibilità di interagire on line con la Camera di Commercio e le altre Pubbliche Amministrazioni consente di risparmiare tempo e tanto denaro e anche di contribuire alla tutela dell’ambiente, visto che meno carta si usa e meno alberi si abbattono”. E le cifre sono enormi. “Se la tecnologia digitale – di cui la Business Key è un nuovo sofisticato strumento – ci permetterà di dematerializzare i processi contabili, amministrativi e fiscali tra imprese e PubblicaAmministrazione, l’Italia realizzerebbe un risparmio pari a circa il 3% del PIL, che potrebbe arrivare al 5% quando fossero interessate tutte le tipologie documentali”.
Creata da Infocamere, la Business Key è una chiave USB evoluta che praticamente permette di avere sempre con sé la propria azienda. Con essa si può firmare digitalmente e utilizzare i documenti ufficiali estratti dal Registro Imprese della Camera di Commercio e accedere in sicurezza ai servizi delle Pubbliche Amministrazioni presenti su web. Business Key è facilissima da usare, anche per chi non è esperto di informatica; non necessita di installazione, è sempre pronta per accedere ad Internet e per l’autenticazione sicura ai siti di e-government. Può contenere i documenti personali e le password personali protette dai migliori sistemi di sicurezza. Inoltre, contiene le applicazioni che ne consentono l’utilizzo su qualsiasi computer. Nella sua relazione, Maria Teresa Capacchione ha illustrato le novità normative in materia, mentre Gabriele Da Rin si è soffermato sulle caratteristiche tecniche e funzionali della Business Key (vedi allegati).
I rappresentanti delle Associazioni di Categoria – Alessandro Castagnino, vice direttore di Confindustria Perugia, Antonio Sposicchi, presidente Confederazione Italiana Agricoltori dell’Umbria, Francesco Filippetti, direttore Confesercenti di Perugia e Aldo Amoni, vice presidente di Confcommercio Perugia – hanno portato la testimonianza del mondo delle imprese, già avviato sulla strada della digitalizzazione, ma da cui sale la richiesta di sostegno sempre più dinamico ed efficiente da parte della Pubblica Amministrazione.
Andrea Sammarco, Segretario Generale della Camera di Commercio di Perugia, ha tratto le conclusioni del convegno. ”La Camera di Commercio è l’ente più vicino alle imprese, ci poniamo al confine tra esse e la Pubblica Amministrazione e per questo siamo chiamati a gestire criticità e ricevere anche lamentele. L’introduzione di sistemi innovativi tanto complessi – di cui la Business Key rappresenta peraltro un elemento di semplificazione – presuppongono un processo culturale che deve interessare le menti, prima ancora dei processi organizzativi e produttivi. E ritengo auspicabile che le stesse imprese partecipino più attivamente alla costruzione di processi innovativi di cui sono destinatarie”.
“E dagli interventi dei rappresentanti delle imprese – ha continuato Andrea Sammarco – emergono con chiarezza i valori che devono ispirare processi innovativi tanto radicali. Innanzitutto il valore della semplificazione, per far si che fare impresa diventi sempre più semplice; poi il valore della trasparenza, fondamentale per un corretto sviluppo del Business ed esigenza primaria posta dal sistema delle imprese (basti pensare che in Italia, la Pubblica Amministrazione, comprese le Camere di Commercio, rilasciano 60 milioni di visure richieste da imprese su altre imprese. Quindi il valore culturale cui devono ispirarsi mutamenti così radicali. Infine il valore del fare rete che deve insegnarci a valorizzare energie e potenzialità presenti nelle singole imprese a prescindere dai settori in cui operano”.

 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.4/5 (48 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia