Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 21-03-2007 XVa Edizione dell'Ercole Olivario in programma in Umbria dal 20 al 24 di marzo

21-03-2007

XVa Edizione dell'Ercole Olivario in programma in Umbria dal 20 al 24 di marzo

 

XVa Edizione dell’Ercole Olivario in programma in Umbria dal 20 al 24 di marzo.
La Giuria Nazionale ha avviato a Spoleto le operazioni di assaggio degli 86 olii finalisti, tra i quali 6 umbri.
Venerdì 23 marzo a Terni (Hotel Garden h. 17.30) Seminario a cura dell’ICE (Istituto Commercio Estero) sul tema: “Opportunità di commercializzazione dell’olio di qualità in alcuni paesi del Nord Europa: Belgio, Lussenburgo, Olanda e Ungheria”. Presenzierà una delegazione di giornalisti dei paesi europei interessati.
Sabato 24 marzo al Teatro Caio Melisso di Spoleto cerimonia conclusiva con la proclamazione e la premiazione dei vincitori.
All’Edizione 2007dell’Ercole Olivario hanno partecipato 315 olii delle 16 regioni italiane a vocazione olearia.
La produzione di olio 2006\2007 su scala nazionale è in leggera flessione. In controtendenza l’Umbria che al contrario registra un aumento di circa il 30%, rispetto alla campagna precedente compromessa da avverse condizioni metereologiche.

 

 

E’ il premio più importante e prestigioso assegnato in Italia agli olii di oliva di qualità superiore, gli extravergini e i DOP (Denominazione di Origine Protetta). La XVma Edizione, iniziata lunedì scorso con l’insediamento a Spoleto della Giuria Nazionale, segna un nuovo deciso passo avanti sulla strada della qualificazione e promozione di un prodotto d’eccellenza che da secoli è espressione di una civiltà, la nostra, che intorno ad esso e alla pianta da cui ha origine ha saputo costruire inediti modi di essere, di fare, di pensare.
Il Concorso si conferma come un appuntamento centrale di analisi e di riflessione sull’olio extravergine di oliva di qualità italiano e ogni anno fornisce l’occasione per un confronto diretto tra imprenditori e istituzioni sulle possibilità di sviluppo del comparto e della sua produzione di qualità.
Nella giornata di mercoledì si è tenuto a Perugia un incontro con la stampa nel corso del quale si è voluto tracciare un bilancio dell’”evento” Ercole Olivario, nato in Umbria nel 1993 per iniziativa della Camera di Commercio di Perugia, della Camera di Commercio di Terni, di Unioncamere regionale e oggi divenuto il concorso più prestigioso, ma anche il più autorevole del settore.
“All’inizio degli anni Novanta – ha ricordato Alviero Moretti presidente del Comitato Organizzatore e della Camera di Commercio di Perugia - la coltivazione dell’olivo in Italia rappresentava ancora una coltura marginale, con redditi che non remuneravano i produttori; fu allora che si decise di puntare con decisione sulla qualità e la nascita del Concorso
Nazionale Ercole Olivario ne rappresentò il segnale più evidente”. “L’Ercole Olivario – ha affermato Moretti - ha determinato un mutamento profondo nella cultura dell’olio di qualità in Italia ed ha contribuito in maniera significativa a consolidare un nuovo approccio a questo prodotto, sia da parte dei produttori che dei consumatori”.
La Giuria Nazionale guidata dal Leader Panel Tonino Zelinotti terminerà le operazioni di assaggio venerdì 23 marzo, ma fin d’ora è possibile affermare che il livello qualitativo degli olii in concorso è decisamente buono e ciò nonostante la campagna olearia su scala nazionale sta registrando una leggera flessione rispetto allo scorso anno. In controtendenza l’Umbria che invece ha visto aumentare la produzione di olio di circa il 30% rispetto all’anno precedente quando la raccolta fu compromessa da avverse condizioni metereologiche.
Secondo le stime dell’ISMEA, Istitutori di Servizi per il Mercato Agricolo e Alimentare) la produzione 2006\2007 di olio umbro dovrebbe attestarsi intorno ai 110.000, leggermente al di sopra della media degli ultimi 5 anni, l’1,8% del totale della produzione italiana.
La XVma Edizione dell’Ercole Olivario, divenuto Concorso per le eccellenze territoriali olearie italiane, intende promuovere e valorizzare la diversità degli olii provenienti dalle diverse regioni italiane: ogni paese… un olio diverso. E’ l’estensione in senso longitudinale della nostra penisola a determinare l’ampia varietà di cultivar di olive da olio. Da Nord a Sud dell’Italia s’incontra una molteplicità di espressioni organolettiche che conferiscono al prodotto locale una tipicità unica e spesso irripetibile.
La vera ricchezza dell’olio extra vergine di oliva italiano sta nella sua diversità dalle miscele standard alle quali ci ha abituato nel tempo un mercato poco attento alla qualità. La XV edizione del concorso Ercole Olivario rende più esplicito il forte legame fra territorio e i mille sapori dell’olio extra vergine di oliva di qualità italiano. Oltre ai premi per le categorie fruttato leggero, medio ed intenso, sono infatti previsti anche i riconoscimenti particolare all’Olio Biologico e all’Olio monocultivar. Valorizzare lo stretto legame di un olio con un territorio definito, rappresentala maggiore garanzia di qualità per un consumatore accorto ed esigente; questo legame rappresenta anche lo strumento per valorizzare contemporaneamente l’olio ed il suo territorio di insediamento.
Tra gli 86 olii finalisti 6 rappresentano la nostra regione e concorrono tutte per la sezione Olio DOP (Denominazione di Origine Protetta), sono: Az. Agrituristica “Oliveto” di Amelia, Marfuga Azienda Agraria di Francesco Gradassi di Campello sul Clitunno, Azienda Agraria Viola di S. Eraclio – Foligno, Frantoio La Casella di Scassini Paolo di Colvalenza di Todi, Mulino & Frantoio del Trasimeno di Castiglione del Lago, Azienda Ranchino Eugenio di Orvieto.
La giornata conclusiva della XV edizione dell’Ercole Olivario sarà interamente dedicata all’Olio in Festa. Si svolgerà sabato 24 marzo nel teatro Caio Melisso di Spoleto (inizio h 10.00) e sarà una celebrazione divertente e divertita dell’olio di qualità italiano, gioiosa risorsa della terra.
L’evento prevede tre momenti, tra loro integrati, organizzati all’interno del teatro e nei locali connessi. La mostra con colazione. L’incontro sulla ristorazione e la premiazione. La degustazione degli oli vincitori della XV edizione del concorso.
Il vero protagonista di tutta la giornata sarà appunto l’olio extra vergine di oliva vera risorsa del territorio che coglie la sua identità nella ricchezza delle diversità, così l’olio italiano rintraccia il suo valore nella imponente varietà produttiva, il cui punto di convergenza è la qualità.
Il prodotto olio diventa così metafora e simbolo del prodotto paese da tutelare e valorizzare in tutte le sue componenti ideali, economiche, ambientali, antropologiche.
Non a caso, saranno proprio esperti di alimentazione, del turismo, delle unioni dei produttori e del sistema delle camere di commercio, i protagonisti dell’incontro di Spoleto. Gli ospiti racconteranno il valore dell’olio e dell’olivo nelle vicende dei diversi contesti italiani, ma anche di quel “grande territorio” che è il Mediterraneo.
Al termine si terrà la proclamazione e la premiazione dei vincitori dell’Ercole Olivario 2007.
 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.4/5 (47 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia