Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Il seme della speranza: azioni e iniziative comuni in un Protocollo per la diffusione nelle scuole della cultura della legalità

30-06-2016

Il seme della speranza: azioni e iniziative comuni in un Protocollo per la diffusione nelle scuole della cultura della legalità

 

Camera di Commercio e Prefettura di Perugia e,  insieme a loro,  Inps, Inail, Direzione Territoriale del Lavoro, Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza, hanno sottoscritto un PROTOCOLLO di INTESA,  che impegna gli enti aderenti a realizzare azioni comuni, rivolte agli studenti delle scuole superiori della provincia, per la diffusione e la salvaguardia della cultura della legalità e per una migliore conoscenza delle istituzioni che a vario titolo operano su questo fronte.  

 

Il Protocollo fonda la sua forza sul coinvolgimento di tutti gli enti e le istituzioni che sono impegnate per l’affermazione dei valori della legalità e della sicurezza.

 

Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia: “Entriamo direttamente nelle scuole per avvicinare gli studenti ai valori alti di giustizia e legalità. Vogliamo fare istruzione di legalità, perché i giovani possano diventare la principale risorsa di legalità. Vogliamo presentare le nostre istituzioni, far capire come operano, illustrare la loro azione di strumenti di legalità, impegnate tutti i giorni nella lotta contro la mala cultura della illegalità. Nella consapevolezza, come dice Don Luigi Ciotti, che “l’istruzione taglia l’erba sotto i piedi alla cultura criminale e mafiosa”. Per questo investiamo  in cultura, informazione, in percorsi educativi. Il Protocollo si muove in questa direzione”.   

 

Il Prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro: ”Con l’adesione al Protocollo di Intesa per la legalità proposto dalla Camera di Commercio, vogliamo ribadire l’impegno e l’azione della Prefettura perugina per la prevenzione dei fenomeni illegali e la rieducazione alla legalità. Il Protocollo della Camera punta a sviluppare una fondamentale azione preventiva, tanto più necessaria alla luce dell’insorgenza anche in provincia di Perugia di infiltrazioni malavitose”. “Preoccupa  – ha affermato il Prefetto Cannizzaro – che soltanto nell’ultimo anno a Perugia e provincia sono state adottate ben 18 interdittive antimafia. E questo è un fatto”.  

 

   

Il Protocollo di Intesa per la diffusione nella scuola della cultura della legalità,  proposto dalla Camera di Commercio di Perugia,  è stato ufficialmente sottoscritto da tutti gli enti aderenti:  per la Camera di Commercio di Perugia dal Presidente Giorgio Mencaroni,  per la Prefettura di Perugia dal Prefetto Raffaele Cannizzaro, dal Dott. Carmelo RAU, Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate, da Antonio Curti, Direttore Provinciale dell’INPS, Albertina Monacelli della Direzione territoriale INAIL di Perugia e Terni, dal Tenente Colonnello Angelo Venettoni, Comandante Provinciale Interinale della Guardia di Finanza e  da Sabatino Chelli della Direzione Territoriale del Lavoro.  

La Camera di Commercio di Perugia, ente responsabile della crescita e dello sviluppo imprenditoriale del suo territorio di appartenenza,  è consapevole che un sistema economico “legale” è un sistema in cui si afferma una concorrenza sana e virtuosa, in grado di assicurare sviluppo, benessere e crescita a vantaggio di tutta la società. “Purtroppo, noi tutti siamo consapevoli dell’importanza dei valori della legalità e della trasparenza nel fare impresa – ha avvertito il presidente della Camera di Commercio di Perugia, Giorgio Mencaroni.   E proprio per questo occorre accrescere l’impegno per dare una risposta alla domanda di legalità che comunque sale dalla società civile. La Camera di Perugia è in prima linea da anni su questo fronte”.

Il Protocollo di Intesa firmato stamane, basa la sua forza sul coinvolgimento praticamente di tutte le Istituzioni che  sono preposte al contrasto di ogni fenomeno di degenerazione e infiltrazione criminale e, allo stesso tempo, ad una azione di diffusione dei valori di giustizia e legalità: la Prefettura, l’Agenzia delle Entrate, l’INPS,  l’INAIL, le Forze dell’ordine con in testa la Guardia di Finanza, la Direzione Territoriale del Lavoro.

“La firma di questo protocollo – ha precisato il Presidente Mencaroni, rivolgendosi ai  rappresentanti degli enti coinvolti -  vuole essere un primo tassello di una ancor più stretta e proficua collaborazione volta a realizzare iniziative congiunte nelle scuole per assicurare una maggiore diffusione della cultura della legalità e  fornire, in concreto, agli studenti una migliore conoscenza degli enti che presidiano la legalità stessa nella sue varie forme e degli strumenti utilizzati appunto nell’affermazione della legalità”.

 

Con la sottoscrizione del Protocollo, tutti gli enti aderenti si impegnano  ad organizzare, in accordo con gli Istituti Scolastici Superiori della Provincia di Perugia che hanno già  manifestato il loro interesse, un programma di formazione integrato sui temi del fare impresa e della legalità.

 

L'obiettivo di iniziative come quella contemplata dal Protocollo per la Legalità  "è dare ai nostri ragazzi una cultura della legalità, di cui spesso non troviamo traccia nei libri di testo“  ha detto Mencaroni.

 
Il Prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro: ”Con l’adesione al Protocollo di Intesa per la legalità proposto dalla Camera di Commercio, vogliamo ribadire l’impegno e l’azione della Prefettura perugina per la prevenzione dei fenomeni illegali e la rieducazione alla legalità. Il Protocollo della Camera punta a sviluppare una fondamentale azione preventiva, tanto più necessaria alla luce dell’insorgenza anche in provincia di Perugia di infiltrazioni malavitose”. “E’ un fatto  – ha affermato il Prefetto Cannizzaro – che soltanto nell’ultimo anno a Perugia e provincia sono state adottate ben 18 interdittive antimafia”.  

L’impegno a sostenere con convinzione quanto enunciato dal Protocollo è stato assicurato da tutti i rappresentanti degli enti aderenti:  il Dott. Carmelo RAU, Direttore Regionale dell’Agenzia delle Entrate, il Dott. Antonio Curti, Direttore Provinciale dell’INPS, la Dott.sa Albertina Monacelli della Direzione territoriale INAIL di Perugia e Terni, dal Tenente Colonnello Angelo Venettoni, Comandante Provinciale Interinale della Guardia di Finanza e  dal Dott.  Sabatino Chelli della Direzione Territoriale del Lavoro.  

 

Per l’anno scolastico 2016 – 2017  il Protocollo prevede una azione ancor più ampia per affrontare il tema della legalità a  tutto raggio così da promuovere nei giovani una riflessione finalizzata ad acquisire consapevolezza delle varie e molteplici forme di illegalità con cui si viene quotidianamente in contatto. Anche sul fronte economico. A cominciare dal “lavoro nero”,  privato di ogni assistenza di tipo previdenziale e in assenza di qualsiasi tutela per la sicurezza e la salute dei lavoratori.  Senza dire di tutte le forme di evasione fiscale,  che tanto penalizzano l’economia nazionale e locale,  compromettendo il benessere dei cittadini del nostro paese.

Ma l’illegalità economica si manifesta anche come contraffazione di prodotti, una attività illecita dannosissima  contro cui in prima linea combatte la Guardia di Finanza,  che ha assicurato la sua partecipazione attiva al Protocollo.  A questo proposito la Camera di Commercio di Perugia ha confermato a tutti gli enti aderenti al Protocollo, l’accesso gratuito ai dati e alle informazioni custodite nel Registro Imprese e nelle altre banche dati camerali.

 

“Portare dentro le scuole percorsi di legalità che ci rendano cittadini migliori – ha sottolineato Giorgio Mencaroni - è una grande opportunità per i ragazzi, ma anche per noi  istituzioni che ci dobbiamo assumere  la responsabilità del futuro del Paese”.

 

“Il “Protocollo per la Legalità”  firmato oggi, rinnova e rinsalda una alleanza tra istituzioni  che fa fare un importante passo avanti alla lotta alla criminalità economica, perché contribuisce a diffondere tra le nuove generazioni la cultura della legalità preparando i nostri ragazzi a diventare cittadini consapevoli e futuri  imprenditori,  eticamente responsabili”.

 

 

Voci collegatelegalit, scuola

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.7/5 (34 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia