Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 14-07-2006 Una delegazione bulgara alla Camera di Commercio di Perugia per ricercare nuovi ambiti di collaborazione economica

14-07-2006

Una delegazione bulgara alla Camera di Commercio di Perugia per ricercare nuovi ambiti di collaborazione economica

 

La Camera di Commercio di Perugia, in collaborazione con il Centro Estero delle Camere di Commercio dell’Umbria, ha tenuto un incontro con una delegazione istituzionale e imprenditoriale proveniente dalla Bulgaria, per l’esame di nuove, possibili forme di collaborazione economica e di partecipazione congiunta a progetti europei.
La delegazione composta dal portavoce D.ssa Tancheva, Direttore "EU Integration & Projects" della Camera di Commercio Bulgara a Sofia, dal Presidente della Camera Regionale di Targovishte, la Sig.ra Olya Ivanova, dal Presidente del Centro di Formazione della Camera di Commercio e dell’Industria Bulgara, Sig. Georgi Stoev e da alcuni imprenditori bulgari rappresentanti di varie categorie economiche, resterà in Italia fino al 16 Luglio proprio per la realizzazione di un progetto di collaborazione all’interno del programma "Leonardo da Vinci".
Ha presieduto l’incontro Alviero Moretti, Presidente della Camera di Commercio di Perugia, accompagnato dal Segretario Generale Ettore Neri e dal coordinatore del Centro Estero Aldo Potenza. Presente anche il Centro di Formazione Imprenditoriale di Perugia.
Il Presidente Moretti ha accolto la delegazione presentando la realtà imprenditoriale umbra e illustrando le possibilità di cooperazione e collaborazione sia di formazione che di scambi economici con la Bulgaria. “Ad oggi, ha detto il Presidente Moretti, le imprese umbre che abitualmente commerciano con la Bulgaria sono 38, operanti prevalentemente nei settori della meccanica, edilizia e arredamento. La Camera di Commercio di Perugia, attraverso l’azione del Centro Estero delle Camere di commercio umbre, intende individuare nuove forme di collaborazione e cooperazione, cercando di sfruttare a pieno le opportunità concesse dai programmi europei sull’internazionalizzazione”. Uno di questi, il Programma Comunitario “Leonardo da Vinci”, si propone di sviluppare, attraverso la cooperazione transnazionale, la qualità, l'innovazione e la dimensione europea nei sistemi e nelle prassi di formazione professionale, contribuendo così alla promozione di un'Europa della conoscenza.
Il Programma è aperto agli Stati membri dell'U.E., ai Paesi dello Spazio Economico Europeo e ai Paesi in pre-adesione.
I dati dell’interscambio tra Italia e Bulgaria riferiti al periodo gennaio-ottobre 2005 hanno fatto registrare una crescita delle esportazioni italiane del 15,4%: esse sono passate da 909,9 milioni di euro del 2004 a 1.049,7 milioni di euro del 2005. L’Italia mantiene la sua posizione di terzo fornitore, dopo Russia (15,8%) e Germania (13,5%).
Le esportazioni bulgare verso l’Italia sono aumentate del 12,8% nel periodo in esame rispetto allo stesso periodo del 2004, raggiungendo la quota di 965,4 milioni di euro. L’Italia si è riconfermata primo Paese cliente, con una quota del 12,5%, seguita da Turchia (10,5%) e Germania (10%).
Complessivamente, l’interscambio Italia-Bulgaria a fine ottobre 2005 ha raggiunto la cifra di 2.015,1 milioni di euro, che ci colloca al secondo posto subito dietro la Germania. Inoltre, l’Italia ha fatto registrare un saldo attivo pari a circa 84 milioni di euro.

 


 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.5/5 (44 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia