Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 05-06-2006 Nel 1° Trimestre del 2006 migliora l'andamento delle imprese manifatturiere della provincia di Perugia rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

05-06-2006

Nel 1° Trimestre del 2006 migliora l'andamento delle imprese manifatturiere della provincia di Perugia rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

 

Nel 1° Trimestre del 2006 migliora l’andamento delle imprese manifatturiere della provincia di Perugia rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
La produzione è ancora in calo (-1,3%) ma in risalita, mentre per fatturato e ordinativi si è tornati al segno positivo (+0,6% e + 1,2%).
I risultati migliori vengono dalle imprese di maggiori dimensioni, mentre difficoltà più marcate si registrano nell’artigianato e nelle imprese di più piccole dimensioni (fino a 10 dipendenti).
Presentati dalla Camera di Commercio di Perugia i risultati dell’Osservatorio Congiunturale sul Settore Manifatturiero relativi al 1° Trimestre del 2006.
Alviero Moretti, Presidente della Camera di Commercio di Perugia: “La speranza è che questi lenti ma discreti progressi portino davvero ad una inversione di tendenza. E’ significativo che nei primi tre mesi dell’anno sia fatturati che ordinativi siano tornati al segno positivo e che le previsioni per il secondo trimestre siano tutte improntate all’ottimismo”.

 

Presentati alla Camera di Commercio di Perugia i risultati dell’Osservatorio Congiunturale sul Settore Manifatturiero della provincia relativi al 1° Trimestre del 2006.
L’indagine condotta su un campione di piccole e medie imprese manifatturiere da 1 a 500 dipendenti operanti in provincia di Perugina riporta l’andamento della Produzione, del Fatturato e degli Ordinativi.
Per la prima volta da diversi mesi dei tre dati rilevati, due sono tornati al segno positivo: il Fatturato infatti è cresciuto rispetto allo stesso periodo del 2005 dello 0,6%, gli Ordinativi delll’1,2%.
Resta negativo il dato sulla Produzione che scende dell’1,3%, anche se va notato che nel primo trimestre dello scorso anno la flessione fu molto più accentuata e registrò un – 3%.
Il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Alviero Moretti, nel commentare i dati dell’Osservatorio, ha notato come, pur ancora in presenza di una flessione della Produzione, non si può non leggere con soddisfazione il ritorno al segno positivo sia del Fatturato che degli Ordinativi.
“Occorre essere prudenti, ha detto Moretti, perché l’andamento deve ancora consolidarsi, ma fa ben sperare la previsione dell’Osservatorio per il prossimo trimestre, sono tutte improntate all’ottimismo. Le imprese credono in un miglioramento della situazione economica e tali aspettative sono comuni alle aziende di tutte le dimensioni e di quasi tutti i settori economici”.
“Ciò che continua a preoccupare – ha affermato ancora Moretti – è il persistere di una situazione di disagio dell’artigianato e delle imprese di più piccole dimensioni, le imprese che sostituiscono una parte importantissima del sistema economico provinciale”.

E veniamo al dettaglio dell’analisi dell’Osservatorio Congiunturale per il manifatturiero.

La Produzione nel I trimestre 2006

Nel I trimestre 2006, rispetto all’analogo periodo del 2005, la produzione provinciale fa registrare una contrazione del –1,3%. l’andamento della produzione, anche se ancora negativa, rispetto alla variazione registrata lo scorso anno pari al –3%, segna un miglioramento tendenziale.

Il comparto dell’artigianato evidenzia un andamento più critico con una riduzione del –2,3%. Lo scorso anno la variazione, pari a –6,8%, segnalava la presenza di maggiori difficoltà.

Analizzando i dati provinciali rispetto alla classe dimensionale, emerge che le imprese con meno di 10 dipendenti fanno registrare una caduta più accentuata della produzione (–3,5%), seguite dalle imprese da 10 a 49 dipendenti, con una riduzione del –1,6%. Tengono, invece, le imprese con 50 e più dipendenti (+0,1%).

A livello settoriale le riduzioni più accentuate si registrano per le industrie delle macchine elettriche ed elettroniche (-5,5%); per la petrolchimica, farmaceutica, gomma e plastica (-4,0%) e per le imprese tessili, dell’abbigliamento, cuoio e calzature (-3,2%). Si segnalano, per la produzione provinciale, gli incrementi positivi delle industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto (+0,5% rispetto al +0,1% nazionale e al calo del –1,4% nella ripartizione territoriale).


Il fatturato nel I trimestre 2006

Il fatturato delle imprese manifatturiere della provincia di Perugia registra, rispetto all’analogo trimestre dell’anno precedente, un incremento dello 0,6%. L’andamento risulta ancora più incoraggiante se confrontato con la variazione dello scorso anno, che era pari al –1,2%.

Ancora problematica la situazione relativa all’artigianato, che registra ancora una riduzione. La variazione rispetto al I trimestre del 2005 è pari al –1,8%. Nonostante il calo, l’andamento del fatturato emergono indicazioni di miglioramento, visto che lo scorso anno la variazione era pari al –5,7%.

A determinare l’andamento positivo del fatturato provinciale sono le imprese più grandi con un incremento del +4,2%; le imprese con meno di 10 dipendenti fanno registrare invece un –3,3%, minore la riduzione nelle imprese da 10 a 49 dipendenti, in cui si registra un –1,3%.

Da segnalare, a livello provinciale, la variazione positiva del fatturato delle industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto, con un +4,4%. Le industrie petrolchimiche, farmaceutiche, della gomma e plastica fanno registrare un +3,7%. Variazione negative del fatturato si registrano ancora nel settore moda, che, con il -2,3%, fa registrare la flessione più sensibile; seguono le industrie delle carta, stampa ed editoria, con il -0,9%. Negative anche le industrie alimentari e quelle della macchine elettriche ed elettroniche.

Gli ordinativi nel I trimestre 2006

Nel I trimestre 2006, rispetto al I trimestre dello scorso anno, gli ordinativi delle imprese manifatturiere della provincia registrano un incremento del 1,2%. Il segnale risulta ancora più incoraggiante se visto alla luce del decremento del -2,0% verificatosi nel I trimestre dello scorso anno.

La flessione risulta negativa per le imprese di dimensioni più piccole: le imprese con meno di 10 dipendenti, infatti, segnalano un -2,6%, mentre quelle da 10 a 49 dipendenti fanno registrare un +1,0%, e le imprese con oltre 50 dipendenti fanno registrare addirittura un +3,2%.

L’artigianato segnala ancora una riduzione degli ordinativi –2,0%. Alla luce del -5,3% registrato lo scorso anno, tuttavia sembra che le difficoltà si siano attenuate.

A livello settoriale, gli incrementi maggiori per gli ordinativi si registrano nell’industria della carta, stampa ed editoria, (+2,6) seguite dalle industrie petrolchimiche, farmaceutiche, della gomma e plastica (+2,3%). Buon andamento anche per il settore della moda (+2,2%). Sopra la media provinciale anche le industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto (+1,7%).
Variazioni negative si registrano per l’industria delle macchine elettriche ed elettroniche (-1,1%) e per le altre industrie che con il –4,3% fanno registrare l’andamento più negativo.

Le previsioni per il II trimestre 2006

Le previsione delle imprese manifatturiere perugine per il II trimestre dell’anno, dopo i segnali di ripresa emersi nel I trimestre, sono improntate all’ottimismo. Le imprese credono in un miglioramento della situazione economica e tali aspettative sono comuni alle aziende di tutte le dimensioni e di quasi tutti i settori economici.

 

 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.5/5 (43 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia