Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 11-03-2006 VII° Concorso Regionale per gli Oli Extravergini a Denominazione di Origine Protetta (DOP) "Umbria"

11-03-2006

VII° Concorso Regionale per gli Oli Extravergini a Denominazione di Origine Protetta (DOP) "Umbria"

 

Al vii° concorso regionale hanno partecipato 17 imprese provenienti dalle cinque sottozone in cui si articola il disciplinare dell’olio DOP Umbria (Colli Assisi-Spoleto, Colli del Trasimeno, Colli Martani, Colli Amerini e Colli Orvietani).
La cerimonia di premiazione e’ stata aperta da un convengo sul tema “L’olio umbro e il mercato”.
La campagna olearia 2005\2006 si è chiusa in Umbria con un forte ribasso della produzione, passata da circa 90.000 quintali di olio a 40.000 (ultima stima).
Sono intervenuti, tra gli altri, Alviero Moretti, pres. della Camera di commercio di Perugia e del comitato organizzatore del concorso, Adriano Garofoli, pres. di Unioncamere regionale umbra, Mario Ruozi Berretta, pres. della Camera di commercio di Terni e Stefano Bigaroni, sindaco del Comune di Narni.
Questi i vincitori del VlI° Concorso Regionale, dunque i migliori oli extravergini di oliva DOP prodotti in Umbria.
SOTTOZONA COLLI AMERINI:
 

  • 1° Classificato: “Azienda Agraria Oliveto di Contessa Geltrude” - Amelia (Tr)
  • 2° Classificato:“Frantoio Oleario Bartolini Emilio & C.” - Arrone (Tr)

 

SOTTOZONA COLLI ASSISI SPOLETO
 

  • 1° Classificato: “Azienda Agraria Viola” - S. Eraclio di Foligno (Pg)
  • 2° Classificato: “Azienda Agraria Marfuga” - Campello Sul Clitunno (Pg)
  • 3° Classificato: “Olio Metelli Di Metelli Claudio & C.” - S. Eraclio – Foligno (Pg)

SOTTOZONA COLLI MARTANI
 

  • 1° Classificato: “Monini Spa” - Spoleto (Pg)
  • 2° Classificato: “Cantine Giorgio Lungarotti” - Torgiano (Pg)
  • 3° Classificato: “Frantoio La Casella di Scassini Paolo” - Todi (Pg )

SOTTOZONA COLLI DEL TRASIMENO
 

  • 1° Classificato: “Mulino e Frantoio del Trasimeno” - Castiglione del Lago (Pg)
  • 2° Classificato: “Frantoio Faliero Mancianti” - S. Feliciano – Magione (Pg)

SOTTOZONA COLLI ORVIETANI
 

  • 1° Classificato: “Azienda Agraria Ranchino Eugenio” - Orvieto (Tr)
  • 2° Classificato: “Frantoio Ciuchi Carlo di Ciuchi Bernardino” - Ficulle (Tr)

Ai premi per i migliori oli, il Concorso regionale affianca un riconoscimento speciale denominato “Qualità e Immagine”, che va al prodotto che meglio associa la qualità dell’olio alla confezione e al suo contenuto informativo.
Il vincitore di quest’anno è

VINCITORE PREMIO QUALITA’ ED IMMAGINE 2006
 

  • Azienda agraria Marfuga di Francesco Gradassi

Il VII° Concorso regionale per gli oli Dop è stato organizzato, come ogni anno, dall’Unione Regionale delle Camere di Commercio dell’Umbria, in collaborazione con le Camere di Commercio di Perugia e Terni, la Regione dell’Umbria, le Associazioni di categoria del settore agricolo Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agriocoltori, il Consorzio di tutela dell’Olio Dop, il l Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria, il Centro Agroalimentare e l’Accademia nazionale dell’Olivo e dell’Olio.
La giuria chiamata a giudicare gli oli in concorso era composta da sedici degustatori, un panel coordinato da Maura Baldioli e guidato dal Capo Panel Giulio Scatolini.
“Il Concorso regionale – ha ricordato il presidente della Camera di Commercio di Perugia Alviero Moretti aorendo la cerimonia - è diventato un appuntamento irrinunciabile per gli operatori del settore, che in questa manifestazione vedono una occasione di confronto per riflettere su un anno di attività e sulle tematiche più attuali del comparto”.
Moretti ha voluto esprime un particolare apprezzamento per l’impegno dei produttori umbri, che in questi ultimi anni, hanno saputo migliorare un prodotto da sempre al top della produzione italiana, ma che non godeva di una visibilità pari alla sua qualità. Il Sindaco di Narni Stefano Bigaroni ha portato agli organizzatori e ai partecipanti al concorso il saluto della città di Narni, .
Prima della proclamazione dei vincitori del Concorso si è svolta una tavola rotonda sul tema “L’olio umbro e il mercato”, nel corso della quale sono stati esaminati i problemi che le imprese umbre produttrici di olio incontrano per la collocazione del prodotto sul mercato. Nel suo intervento il presidente di Unioncamere Regionale Adriano Garofoli ha indicato gli obiettivi che si intendo perseguire con iniziative quali il Concorso Regionale: favorire tra i produttori di olio una diffusione sempre più ampia della cultura della qualità mediante la certificazione di prodotto e offrire agli operatori del settore un’occasione di approfondimento e di aggiornamento sulla evoluzione del mercato dell’olio.
Garofoli ha detto anche che nella nostra regione l’olio di oliva è costantemente oggetto di una grande attenzione anche per il suo significato fortemente simbolico oltre che economico “ma il suo mercato appare sempre in costante contraddizione tra dati entusiastici e riscontri alquanto negativi e preoccupanti”. “Tutti ne parlano e ne scrivono – ha detto - ma alla esaltazione del prodotto olio di oliva si accompagna quasi sempre il malumore degli addetti ai lavori”. In particolare, secondo il presidente di Unioncamere regionale, i produttori lamentano che, pur sostenendo elevati costi per migliorare la qualità delle produzioni, raggiungono livelli di remunerazione a malapena sufficienti a coprire i notevoli sforzi finanziari compiuti.
Garofoli ha manifestato comunque ottimismo, visto che “mai come negli ultimi anni, il prodotto olio di oliva umbro è riuscito effettivamente a guadagnare tante e costanti attenzioni”.
Il Presidente della Camera di Commercio di Terni Mario Ruozi Beretta ha evidenziato lo sforzo dell’intero sistema camerale nel supportare e promuovere l’attività dei produttori di olio umbri, che grazie ad iniziative come il Concorso Regionale e l’Ercole Olivario sono riusciti a dare visibilità e valenza economica ad un prodotto che ha raggiunto livelli di vera eccellenza.
I dati sulla produzione olearia della campagna 2005\2006, pur se ancora incompleti, mostrano una forte riduzione delle quantità sia di olive raccolte che di olio. Dati forniti dall’Aprol parlano di una produzione di olio intorno ai 40.000 quintali, a fronte di una media di circa 95.000. Le quantità di olio certificate DOP seguono evidentemente lo stesso andamento e se lo scorso anno in Umbria l’olio a Denominazione di Origine Protetta superò i 7.500 quintali, nella campagna di quest’anno fino ad oggi sono stati certificati 1.830 quintali di olio DOP.
I partecipanti al Concorso Regionale 2006 si sono dati appuntamneto al Premio nazionale dell’”Ercole Olivario” che si tiene a Spoleto dal 27 marzo al 1 aprile prossimi e che porterà le produzioni umbre a confrontarsi con quelle delle altre regioni italiane a vocazione olearia. I cinque vincitori del concorso regionale per i migliori oli dop umbria hanno difatti tutti guadagnato l’ammissione alla finale dell’Ercole Olivario 2006.

 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.5/5 (49 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia