Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > "IO Scelgo la Legalità", Programma di Educazione alla legalità nell'economia e nell'impresa per gli studenti delle Scuole Superiori della Provincia di Perugia

16-11-2016

"IO Scelgo la Legalità", Programma di Educazione alla legalità nell'economia e nell'impresa per gli studenti delle Scuole Superiori della Provincia di Perugia

 

La Camera di Commercio di Perugia, la Prefettura di Perugia e, insieme a loro,  tutti i principali enti economico – finanziari e amministrativi presenti in provincia di Perugia -  Inps, Inail, Direzione Territoriale del Lavoro, Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Banca d’Italia - hanno presentato il Programma di educazione alla legalità nell’economia e nell’impresa denominato ”IO Scelgo la Legalità”. 

La Legalità in economia e nell’impresa si può e si deve insegnare a scuola: ”IO Scelgo la Legalità” è entrato in sedici Istituti Superiori della provincia dove, in questo anno scolastico,  condurrà oltre 400 ragazze e ragazzi sulla strada che porta a conoscere ed appropriarsi dei valori della Legalità.

 

Il programma educativo “Io Scelgo la Legalità” è stato presentato dal Prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro, dal Presidente della Camera di Commercio di Perugia,  Giorgio Mencaroni e dai rappresentanti di tutti gli altri enti che hanno condiviso il programma educativo: Sabatino Chelli, Direttore regionale della Direzione Territoriale del Lavoro, Giorgio De VicoDirettore della Filiale di Perugia della Banca d’Italiail Comandante provinciale della Guardia di Finanza Dario Solombrino, per l’Inail Lorenza Nistri, Direttore Territoriale, per l’Inps Riccardo Trauzzola, in rappresentanza del Direttore Provinciale Antonio Curti, il Direttore provinciale di Perugia dell'Agenzia delle Entrate Marina Angeli.

 

“Oggi annunciamo l’avvio di un progetto che riveste per noi una enorme importanza. Siamo tutti consapevoli del valore fondante della Legalità per l’economia e la convivenza civile. Un sistema economico “legale” è un sistema in cui si afferma una concorrenza sana e virtuosa, in grado di assicurare sviluppo, benessere e crescita a vantaggio di tutta la società. Al contrario l’economia illegale svilisce il lavoro e rappresenta un grave danno economico per la società, in tutte le sue componenti”. Con queste parole Giorgio Mencaroni,  Presidente della Camera di Commercio di Perugia, ha introdotto la presentazione di “IO Scelgo la Legalità”,  Programma di Educazione alla legalità nell’economia e nell’impresa, che vede il coinvolgimento dei principali enti economico – finanziari amministrati che operano in provincia di Perugia: la Camera di Commercio di Perugia, la Prefettura di Perugia e, insieme a loro,  Inps, Inail, Direzione Territoriale del Lavoro, Agenzia delle Entrate, Guardia di Finanza e Banca d’Italia.

“La Legalità in economia e nell’impresa si può e si deve insegnare a scuola”  ha detto ancora il Presidente Mencaroni e  “con questa piena consapevolezza,  ”IO Scelgo la Legalità” è entrato in sedici Istituti Superiori della provincia per condurre, in questo e nel prossimo anno scolastico,  800 ragazze e ragazzi sulla strada che porta a conoscere e fare propri i valori della Legalità”.

 

La prima lezione di Legalità si è tenuta ieri 15 novembre alla Camera di Commercio, sul tema “Io & l’Economia” trattato da funzionari della Prefettura di Perugia, della Filiale perugina della Banca d’Italia e della Camera di Commercio (Foto allegata).

 

Il Prefetto di Perugia Raffaele Cannizzaro ha guidato la presentazione del programma “Io Scelgo la Legalità”.

Nell’aderire al vasto programma di informazione e formazione “Io Scelgo la Legalità” – ha detto il Prefetto Cannizzaro - la Prefettura di Perugia ribadisce il suo impegno sul fronte della prevenzione dei fenomeni illegali e la educazione alla legalità. Crediamo fermamente che alle azioni repressive e sanzionatorie debbano affiancarsi quelle rivolte alla informazione e formazione,  in particolare verso i giovani, che vivono un momento della vita in cui si è più aperti a raccogliere messaggi positivi”. Sottolineata dal Prefetto l’importanza del largo coinvolgimento nel Programma delle principali istituzioni territoriali, una “Coesione Istituzionale”, come l’ha definita,  decisiva per raggiungere l’obiettivo di una  sempre più ampia diffusione della cultura della Legalità”.    

 

Legalità intesa anche come rispetto della dignità dell’uomo lavoratore. Sabatino Chelli, Direttore regionale della Direzione Territoriale del Lavoro: La regolarità nei rapporti di lavoro, anche sotto il profilo della tutela della salute e sicurezza, è una tematica fondamentale in un percorso di promozione della cultura della legalità tra i giovani soprattutto in un periodo come quello attuale caratterizzato da profondi mutamenti nel mercato del lavoro “.

 

Concetti richiamati e ribaditi da Riccardo Trauzzola dell’Inps, intervenuto in rappresentanza di  Antonio Curti, Direttore sede provinciale Inps. “La legalità, più che una scelta, rappresenta una necessità per garantire che tutte le imprese operino in un contesto di concorrenza leale che deve rappresentare uno dei valori chiave principali del mondo dell’economia. INPS è onorata di poter fornire in maniera sinergica, insieme alle più importanti Istituzioni ed Enti del territorio, il proprio contributo ad un progetto ideato per coloro che saranno i lavoratori o gli imprenditori del domani”.

 

Fortemente impegnata sul fronte della Legalità anche la Banca d’Italia, come ha ricordato  Giorgio De VicoDirettore della Filiale di Perugia. “La Banca d’Italia – ha ricordato De Vico - partecipa con convinzione al programma  “Io Scelgo la Legalità”,  mettendo a disposizione l’esperienza maturata negli scorsi anni con le scuole attraverso il progetto di educazione finanziaria, creato per aiutare i ragazzi a compiere in futuro scelte consapevoli in materia finanziaria”.  

 

Di identico avviso si è dichiarato il  Comandante provinciale della Guardia di Finanza Dario Solombrino che ha ricordato il vasto programma sulla Legalità condotto in tutta Italia dalla Guardia di Finanza. “Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia ha aderito con entusiasmo a tale iniziativa, in linea con quelle promosse dal Corpo  e volte a  creare e diffondere il concetto di sicurezza economica e finanziaria, ad affermare il messaggio della convenienza della legalità economica- finanziaria e stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche”.           

 

“Io Scelgo la Legalità” rappresenta un esempio di piena e fattiva collaborazione tra otto enti economici e amministrativi operanti sul territorio provinciale. Un valore anche questo di grande significato, come ha sottolineato Marina Angeli, Direttore Provinciale di Perugia dell’Agenzia delle Entrate: “Come Agenzia delle Entrate abbiamo aderito a questo progetto perché coerente con la nostra missione e con il nostro impegno nell’educazione delle giovani generazioni alla legalità. La possibilità di fare rete con le altre istituzioni del territorio rappresenta poi un prezioso valore aggiunto, che speriamo si rafforzi anche in altri ambiti”.

 

 Per l’Inail, Lorenza Nistri, Direttore Territoriale, ha sottolineato la peculiarità de “Io Scelgo la Legalità”,  che vede coinvolte, in sinergia tra loro, diverse Istituzioni per dare un contributo coerente e autorevole alla diffusione della cultura della legalità tra le giovani generazioni, e, nel contempo, un segnale tangibile della vicinanza dei pubblici rappresentanti ai cittadini, in un ottica di superamento delle barriere tra pubbliche amministrazioni e utenti, nell’interesse della collettività. “E’ molto importante – ha aggiunto Lorenza  Nistri – la scelta di un percorso informativo globale, volto a porre  le basi della conoscenza del mondo del lavoro e delle regole che lo governano, affinché la legalità possa essere intesa dalle nuove generazioni come opportunità e non come mera imposizione”.

 

La Prof.  Rita Coccia dell’I.T.T.S. A. Volta di Perugia ha avanzato la proposta di ricomprendere in “Io Scelgo la Legalità” un programma di visite alle sedi istituzionali che permettano agli studenti di prendere visione diretta dei luoghi in cui si esercitano funzioni di così alta rilevanza per la vita dei cittadini.

 

Il Programma Educativo “IO Scelgo la Legalità” consiste in un percorso di informazione/formazione di tipo seminariale, articolato in 4 moduli:

 

-          il primo modulo “IO & l’Economia” vede gli interventi della Prefettura di Perugia, della Banca d’Italia e della Camera di Commercio, ed è stato incentrato sugli elementi essenziali per una ordinata convivenza civile, sull’uso della moneta e dei mezzi di pagamento, sulle caratteristiche del tessuto economico e imprenditoriale locale;

-          il modulo “IO imprenditore, IO lavoratore” con  gli interventi di Camera di Commercio, Direzione Territoriale del Lavoro, Inps e Inail, mirano, da un lato, a valorizzare il ruolo dell'impresa e dell'imprenditore nella società, per orientare i giovani alla creazione d'impresa; dall’altro, a trasmettere ai lavoratori di domani e ai futuri imprenditori le conoscenze  indispensabili per partecipare con responsabilità e nel rispetto della legalità  al vivere sociale e civile;

-          il terzo modulo “IO contribuisco” svilupperà con Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza il tema della legalità fiscale, in termini di prevenzione e controllo, per far comprendere ai giovani il sistema fiscale e la sua importanza per costruire una società economicamente sostenibile, equa e solidale. Questi argomenti saranno affiancati dall’intervento della Banca d’Italia, che approfondirà il ruolo delle banche anche alla luce dell'attività antiriciclaggio;

-          infine il quarto modulo “IO & il denaro”, con Banca d’Italia, Prefettura e Camera di Commercio, delinea un percorso di educazione a un uso consapevole del denaro, a partire da una adeguata conoscenza dei principali strumenti di pagamento, fino a toccare i temi del finanziamento patologico, dell’usura e degli strumenti per la gestione delle crisi da sovra indebitamento.

 

Più in generale, il “IO Scelgo la Legalità” si propone di sviluppare specifiche competenze negli ambiti dell’educazione economica, finanziaria, fiscale e della legalità economica.

I seminari sono stati affidati a tecnici ed esperti individuati dagli enti promotori e prevedono la partecipazione di imprenditori e opinion leader, per una testimonianza diretta utile ad approfondire i temi della legalità nell’economia e nel fare impresa.

 

Il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni:  “Gli studenti  “conosceranno”  una legalità che prima di ogni altra cosa costituisce un  valore etico e morale, pilastro imprescindibile di ogni convivenza civile, ma anche un fondamentale valore economico, in quanto condizione necessaria per il pieno sviluppo dei territori, a protezione della libertà degli operatori economici, del regolare svolgimento delle dinamiche imprenditoriali, della trasparenza del mercato, della sana concorrenza. Il peso dell’Economia illegale è enorme: secondo le ultime stime dell’Istat, l’economia sommersa, sommata alle attività illegali, vale 206,4 miliardi di euro. In termini di Pil, l'economia fuori dai parametri ufficiali risulta pari al 12,9%, una percentuale in crescita rispetto al 12,7% stimato nel 2012 e al 12,4% del 2011”.

 

“Io Scelgo la Legalità”  rientra inoltre nei percorsi che la Camera di Commercio dedica all’alternanza scuola – lavoro, una occasione non solo formativa, ma di orientamento al mondo del lavoro e di conoscenza del sistema economico e d’impresa.

Nel giugno scorso, Camera di Commercio di Perugia e Prefettura di Perugia, e con loro Inps, Inail, Direzione Territoriale del Lavoro, Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza avevano annunciato la sottoscrizione di un PROTOCOLLO di INTESA che impegnava i firmatari a realizzare azioni comuni, rivolte agli studenti delle scuole superiori della provincia, per la diffusione e la salvaguardia della cultura della legalità e per una migliore conoscenza delle istituzioni che a vario titolo operano su questo fronte. 

“Quel “seme di speranza”, piantato a giugno – ricorda il Presidente Mencaroni - ha dato il suo primo frutto, ed è il progetto “IO SCELGO LA LEGALITA”, un programma di educazione alla legalità nell’economia e nell’impresa, che è stato ideato e sviluppato da tutti gli enti sottoscrittori del protocollo d’intesa, insieme alla Banca d’Italia. Siamo tutti consapevoli della necessità, urgente, di avvicinare la scuola al mondo del lavoro, dell’impresa, alle componenti fondamentali del vivere civile e di una economia sana: mai come in questo momento  dobbiamo offrire ai giovani un quadro di riferimento certo, e una adeguata conoscenza degli enti che presidiano la legalità, in tutte le sue componenti”.

 
IO Scelgo la Legalità 2016, gli Istituti Scolastici coinvolti nel Programma Educativo:

 

Istituto "Casimiri"  di Gualdo Tadino 

I.I.S. “Cavour – Marconi – Pascal" di Perugia

Liceo Pieralli Perugia,
IIS  Polo- Bonghi Assisi

IPSC - Istituto Professionale per il Commercio Bastia Umbra

ITE F. Scarpellini Foligno

Itet "A.Capitini V.Emanuele II A.di Cambio" Perugia

POLO TECNICO - Franchetti Salviani Città di Castello

IIS Cassata Gattapone – Commerciale Gubbio

I.T.E. " G.Mazzini"    Magione
Istituto Agrario Ugo Patrizi  Città di Castello

Liceo “Plinio il Giovane" Città di Castello

Istituto Omnicomprensivo "Salvatorelli - Moneta" Marsciano

IIS CAMPUS "L. DA VINCI " Umbertide

Istituto Alberghiero    Assisi

I.T.T.S. A.Volta Perugia.  

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.0/5 (35 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia