Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Alternanza Scuola - Lavoro: in campo il 10% delle imprese

05-12-2016

Alternanza Scuola - Lavoro: in campo il 10% delle imprese

 

Sono quasi 5000 le imprese dell’Industria e dei Servizi operanti in provincia di Perugia – il 10% del totale - che nel 2016 hanno accolto studenti aderendo a progetti di Alternanza Scuola – Lavoro.

 

L’Alternanza Scuola – Lavoro, consente a centinaia di studenti che frequentano gli Istituti superiori di alternare la formazione in aula con quella on the job, all’interno di una impresa.

 

Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia: “Anche in Italia, finalmente, l’alternanza Scuola – Lavoro è diventata regola. La legge “La Buona Scuola” l’ha reso obbligatoria per gli studenti degli Istituti Superiori e i risultati non si sono fatti attendere, con un incremento delle esperienze formative realizzate all’interno delle imprese della provincia di Perugia. La Camera di Commercio di Perugia investe da anni sull’alternanza Scuola Lavoro e oggi il nostro impegno per l’affermazione del valore dell’”Imparare lavorando”, si è ancor più esteso in virtù delle più estese competenze in materia che sono state assegnate al sistema camerale”.

 

Ogni studente iscritto ai programmi di alternanza Scuola – Lavoro compie un percorso formativo all’interno di un contesto lavorativo, di almeno 200 ore per i licei e 400 ore per gli istituti tecnici.

 

Il portale www.scuolalavoro.registroimprese.it, realizzato dalle Camere di commercio, è attivo dallo scorso luglio: qui possono iscriversi, senza oneri, le imprese, ma anche enti pubblici e privati, associazioni e liberi professionisti che intendano investire sullo sviluppo educativo e professionale dei giovani, mettendo a disposizione percorsi di alternanza presso le proprie strutture.

 

“Imparare lavorando”: nel 2016 1 impresa su dieci – il 10% del totale - dei settori dell’Industria e dei Servizi operanti in provincia di Perugia ha accolto e accoglierà studenti in Alternanza Scuola-Lavoro, percorsi formativi – tirocini e stage – che consentono ai ragazzi degli Istituti Superiori – Licei e Istituti Tecnici - di alternare la formazione in aula con quella on the job, all’interno di una impresa. Ogni studente iscritto ai programmi di alternanza Scuola – Lavoro compie un percorso formativo all’interno di un contesto lavorativo di almeno 200 ore per i licei e 400 ore per gli istituti tecnici.
Le imprese che investono di più sui progetti Scuola – Lavoro sono quelle del Trentino Alto-Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto con il 13% circa del totale imprese, ma anche l’Umbria con il 9,9% è nel primo gruppo.


In provincia di Perugia le imprese aderenti con il 10% del totale superano sia la media regionale (9,9%) che la media nazionale (9,7%).
Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio di Perugia: “Anche in Italia, finalmente, l’Alternanza Scuola – Lavoro è diventata regola. La legge “La Buona Scuola” l’ha resa obbligatoria per gli studenti degli Istituti Superiori e i risultati non si sono fatti attendere, con un incremento delle esperienze formative realizzate all’interno delle imprese della provincia di Perugia. La Camera di Commercio di Perugia investe da anni sull’alternanza Scuola Lavoro e oggi il nostro impegno per l’affermazione del valore dell’”Imparare lavorando”, si è ancor più esteso in virtù delle più estese competenze in materia che sono state assegnate al sistema camerale”.


L’alternanza tra la formazione in aula e quella in impresa, introdotta dalla “Buona Scuola”, rappresenta una grande opportunità per i ragazzi degli istituti superiori, per avvicinarsi alle imprese e poi inserirsi più rapidamente nel mondo del lavoro.
Sottolinea il Presidente Mencaroni: “E’ un’iniziativa di particolare importanza, che per la prima volta rende il tirocinio in azienda parte integrante del percorso formativo, confermando al sistema delle Camere di Commercio, un ruolo determinante nell’incontro tra le imprese disponibili a ospitare i giovani e gli Istituti Scolastici che devono rendere questa esperienza parte integrante del curriculum formativo”.


Il Sistema Informativo Excelsior, d’altro canto, dimostra che stage e tirocini nel loro complesso consentono alle imprese di testare il grado di preparazione dei giovani in vista anche di un eventuale inserimento lavorativo: nel 2015, su 100 giovani tirocinanti, 19 sono stati poi assunti dall’impresa. Senza dimenticare che ai giovani, aver acquisito una esperienza lavorativa serve sia per compiere scelte consapevoli per il proprio futuro, sia per arricchire il proprio curriculum: più di 7 su 10 assunzioni programmate dalle imprese quest’anno sono vincolate al poter vantare una qualche esperienza lavorativa.
 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.1/5 (36 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia