Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > 24-03-2005 La Camera di Commercio di Perugia aderisce al Progetto Quasar

24-03-2005

La Camera di Commercio di Perugia aderisce al Progetto Quasar

 

In considerazione dell’importanza sempre crescente che le Organizzazioni non profit stanno assumendo nel contesto economico attuale, la Camera di Commercio di Perugia ha deciso di aderire al Progetto Quasar - promosso da AsseforCamere - Agenzia Nazionale del Sistema Camerale - ed Aster-x - Società consortile senza fini di lucro promossa dalle maggiori Organizzazioni italiane di Terzo Settore, allo scopo di promuovere la diffusione e lo sviluppo dell'imprenditorialità sociale non profit sul territorio nazionale.
A Perugia si è tenuta stamane alla Sala del Consiglio della Camera di Commercio di Perugia l’Assemblea Forum Regione Terzo Settore cui hanno partecipato Alviero Moretti - Presidente Camera di Commercio di Perugia, Alberto Valentini - Consigliere Delegato AsseforCamere, Livia Consolo - Consigliere Delegato Aster-x, Remigio Palini - Responsabile Progetto Quasar Territoriale Perugia presso la CCIAA, Andrea Fora - Membro del Consiglio della Camera di Commercio in rappresentanza del settore servizi alle imprese e Leonia Lanari - Rappresentante Forum Regionale del Terzo Settore Umbria.
Dal punto di vista quantitativo ci troviamo di fronte ad un importante segmento del tessuto economico-sociale provinciale formato da oltre 3500 Istituzioni non profit.
Il numero delle Organizzazioni del Terzo Settore è cresciuto di oltre 1000 unità negli ultimi 15 anni, valore pari al 55,5% del totale attuale.
Il numero di Istituzioni non profit ogni 100.000 abitanti risulta, per l’area perugina, pari a 591, valore decisamente maggiore rispetto al valor medio nazionale (413 per 100.000 abitanti).
Nasce da qui l’esigenza, per la Camera di Commercio di Perugia, di approfondire il livello di conoscenza del settore e di interagire con esso per stimolarne lo sviluppo e una maggiore diffusione nel territorio della provincia.
Il progetto Quasar (Qualità per i servizi a rete d’imprese sociali), già sperimentato con successo in 8 realtà nazionali nell’ambito dell’Iniziativa Comunitaria Equal ed attualmente in corso di realizzazione anche presso le Camere di Commercio di Roma, Pisa e Benevento, è stato presentato nel corso dell’Assemblea ed ora potrà entrare nella sua fase operativa.
“La Camera di Commercio come osservatorio storico dell’economia locale – ha affermato il presidente Alviero Moretti, ha più volte sottolineato la crescita delle imprese operanti nel settore non profit, disegnandone un quadro in sviluppo, ma segnalando parimenti l’elevato tasso di mortalità delle stesse e la loro gracilità. Siamo consapevoli delle potenzialità degli organismi dal Terzo Settore di attivare un circolo virtuoso in termini di: capacità di assorbire l’eccesso di marginalità (come ad esempio la disoccupazione generata dai settori profit,…), interpretare un ruolo sociale dell’economia, essere ‘strumento’ trainante nello stimolo delle pari opportunità (il numero di donne occupate nel non profit rispetto al profit è percentualmente più elevato)”.
Il Progetto Quasar costituisce uno strumento caratterizzato da una visione di medio-lungo periodo, in grado, contemporaneamente, di dare vita a interventi immediatamente attuabili ed utili.
Si tratta, infatti, di un Programma flessibile in grado di sfruttare l’esperienza offerta dai progetti pilota a beneficio di un ampliamento dello spettro d’intervento a livello nazionale ed internazionale.
Attraverso un percorso sinergico realizzato tra il Sistema Camerale ed il Terzo Settore, il Progetto Quasar ha l’obiettivo di accrescere le competenze imprenditoriali delle imprese sociali, creare circuiti virtuosi di promozione e uno sviluppo integrato dell'imprenditoria sociale.
In particolare il percorso operativo intrapreso è volto alla:
- Realizzazione di un’attività di diagnostica (check-up) rivolta ad un campione tipologico di imprese sociali non profit, per individuarne punti di forza e di debolezza e predisporre piani di miglioramento che indichino le azioni operative da mettere in atto per il consolidamento e lo sviluppo;
- Creazione di un Laboratorio dell’Economia Civile, inteso sia come strumento di conoscenza e approfondimento delle problematiche inerenti il settore, che come presidio per la messa a punto di interventi di supporto ed assistenza per gli operatori del settore.

 

 

Esprimi il tuo voto:

Rating: 1.9/5 (50 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia