Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > L' effetto del lockdown sul sistema imprenditoriale della provincia di Perugia

09-06-2020

L' effetto del lockdown sul sistema imprenditoriale della provincia di Perugia

 

Giorgio Mencaroni, Presidente Camera di Commercio di Perugia: “Nascono meno imprese, ma di converso, non senza sorpresa, scendono di molto anche le chiusure. Nei mesi del lockdown – marzo e aprile 2020 – stravolta la dinamica della natalità - mortalità interna al tessuto imprenditoriale perugino. Arretra il fare impresa, in attesa che arrivino tempi migliori. Ma con coraggio e determinazione si decide di non chiudere, di non cessare di fronte al Covid”.

 

L’effetto del lockdown sul sistema imprenditoriale della provincia di Perugia: presentata l’indagine della Camera di Commercio di Perugia sulla nati mortalità delle imprese nei due mesi di lockdown marzo e aprile 2020. 
 
Precisato che in condizioni di normalità l’osservazione dei processi sottesi alla costituzione e alla cessazione di una impresa si muove su un arco temporale trimestrale, si è cercato oggi di inquadrare il tema della natimortalità dell’ impresa nel contesto di un evento eccezionale come la pandemia, che ha prodotto il blocco totale delle attività produttive, il lockdown, circostanza del tutto inedita e mai sperimentata prima.
 

Il focus acceso dall’Ufficio Studi dalla Camera di Commercio perugina ha riguardato i mesi di marzo e aprile 2020, bimestre in cui il lockdown è stato pressoché totale.

 A marzo 2020, in provincia di Perugia sono state create 337 imprese, 38 in meno rispetto a marzo 2019, una contrazione del 10%.

Quante quelle che hanno cessato a Marzo 2020? 464, il 47% in più su marzo 2019, con una perdita in termini assoluti di 150 imprese chiuse in più in un anno.

 Ad Aprile 2020, intero mese in lockdown, emerge un cambio netto nei comportamenti delle imprese.
 
Si arrestano e addirittura, non senza sorpresa, calano le cessazioni. E di molto: - 37% in un anno. Solo 153 imprese cessate nel mese del lockdown (aprile 2020) contro le 243 chiuse nel mese di aprile 2019.
 

Fin dall’inizio dell’emergenza abbiamo cercato di “non uccidere la speranza” delle imprese. Con tutti i mezzi a nostra disposizione. Le imprese non scappano. E quando chiudere sembra anche la scelta più facile, si scopre che cessano l’attività in meno di quanto non sapevamo fisiologicamente. Possono aver inciso diversi fattori, ma va riconosciuta la forza, il coraggio, il senso di responsabilità dei nostri imprenditori – ha detto il Presidente Mencaroni . che hanno deciso di resistere al Covid e di continuare ad esistere. La paura andava sfidata, perché le crisi prima o poi comunque finiscono e allora vale la pena di tentare di trasformarle in opportunità”.  

 Scendono le cessazioni, ma allo stesso tempo il lockdown ha prodotto il gelo delle iscrizioni di nuove imprese. Nel mese di Aprile 2020 la discesa è secca. Vengono iscritte soltanto 139 nuove imprese il 57,6% in meno su un anno fa. Le imprese perse – 189 - superano nel numero quelle effettivamente costituite, 139.
 

Se poniamo poi a confronto le nuove iscrizioni di aprile 2020 con la media dell’ultimo quinquennio i dati peggiorano e tocchiamo un - 61,6%, che corrisponde a 223 imprese in meno nate in un solo mese.

 A compensare l’arretramento forte delle iscrizioni,  il dato, realmente significativo,  delle cessazioni anche in rapporto alla media 2015-2019.  Nel mese di aprile 2020 sono cessate 117 imprese in meno rispetto alla media considerata, pari a – 43,3%.

Voci collegatedati, economia

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.2/5 (20 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia