Home > Comunicazione e Informazione > Comunicati stampa > Programmi occupazionali Imprese: 2.600 posti di lavori a settembre 2020

07-09-2020

Programmi occupazionali Imprese: 2.600 posti di lavori a settembre 2020

 

Lavoro: 2.600 assunzioni previste nel corrente mese di settembre ’20 dalle imprese della provincia di Perugia (con almeno un dipendente).
Buon aumento rispetto ad agosto ‘20: + 860 ingressi al lavoro con un balzo del 49,4%. 
Più contenuto il risultato a livello regionale Umbria: + 900 posti, + 39,1%.
Diametralmente opposto il dato tendenziale settembre 2020 su  settembre 2019. 
Un anno fa le imprese perugine avevano previsto 4.070 assunzioni, quest’anno 2.600.  La differenza è negativa per 1.470 ingressi al lavoro: - 36,1%.
Ma nel 2019 non c’era il Covid!
Il dato Umbria è assolutamente analogo a quello provinciale Perugia: meno 1900 posti di lavoro in un anno, - 37,2%.
 
 

 

Il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Giorgio Mencaroni ha diffuso i dati sui programmi occupazionali delle imprese (con almeno un dipendente) della provincia di Perugia, rilevati dal Sistema Excelsior.
“Alla decisa ripresa di settembre ’20, rispetto ad agosto (congiunturale), pari a + 49,4%, corrispondente a 860 posti di lavoro di lavoro in più, dobbiamo purtroppo contrapporre la perdita di 1.740 entrate al lavoro, - 36,1% (tendenziale) in un anno, da settembre 2020 a settembre 2019.  
Buono, ma più contenuto, il dato congiunturale settembre ’20 sul precedente mese di agosto, riferito alla regione Umbria:  + 900 posti, + 39,1%”. 


L’Umbria fa leggermente peggio rispetto alla provincia di Perugia nel dato tendenziale di un anno,1.900 assunzioni in meno, - 37,2%.

“Le imprese danno un segnale limitatamente positivo per la ripartenza dell’attività autunnale – ha commentato il Presidente Mencaroni – e offrono più lavoro rispetto ad agosto, anche se il confronto rispetto a un anno fa è pesante. Ma allora non c’era il Covid!”. “Dunque la tendenza va letta in miglioramento. Rispetto allo scorso mese di agosto la richiesta di mano d’opera è in recupero significativo.”

Per l’autunno tuttavia predomina ancora un clima di incertezza: sono infatti 7.180 le assunzioni programmate considerando il trimestre settembre – novembre 2020. Ancora Mencaroni: “Arretriamo leggermente sul trimestre  agosto-ottobre, appena l’1,9%. Ma la speranza era di vedere finalmente il segno di una ripresa più solida, anche sul piano occupazionale”. 

I dati Excelsior dicono che a settembre ’20 delle 2.600 entrate il 28% saranno stabili, ossia con contratto a tempo indeterminato o di apprendistato. Il 72% delle assunzioni invece sarà a termine, a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita. 

Il 22% sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, quota inferiore alla media nazionale (26%).

Per il 28% le assunzioni  interesseranno a settembre giovani con meno di 30 anni, mentre il 13% delle entrate previste sarà destinato a personale laureato.

Resta alto il mismatching tra domanda e offerta di lavoro: in 40 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati.

Le previsioni di assunzione si concentreranno per il 60% nel settore dei servizi e per il 70% nelle imprese con meno di 50 dipendenti.  
 

Voci collegateeconomia

Esprimi il tuo voto:

Rating: 2.0/5 (11 voti)

Condividi:

Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a Segnalo Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Ma.gnolia Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter

 
verificaPAImpresa e giustiziauploaded/Immagini/Primo piano 2018/banner_fatturazione_elettronica_privati.pngregistro impresecontratti di reteStartupe PMI innovativeAeroporto Internazionale Umbria Umbria Touringdiritto annualeUnica Umbriaimpresa italia